Stefano Brugiotti

Nell’immaginario collettivo Madema Spa è legata a una storia particolare che vede come protagonisti i sistemi wireless, anzi, è stato lo stesso Davide (a tal proposito vi ricordo che è possibile leggere l’intervista tra quelle passate su ZioGiorgio.it) ha raccontarci come andarono i fatti allora….
Ad ogggi un settore così importante e delicato, anche in virtù del vociferare sui possibili cambiamenti della legislazione vigente che regolamenta il settore delle trasmissioni radio, è affidato a Stefano Brugiotti.
Avevamo parlato con Stefano qualche settimana fa, ma in occasione del concerto del 1° maggio, abbiamo avuto modo di risentirci e sviluppare ulteriormente la nostra conversazione.

ZioGiorgio.it: Stefano, tu ti occupi del settore dei radiomicrofoni: come è nato in te l’interesse per questa materia?

Stefano Brugiotti: ho cominciato come tecnico del suono, poi mi sono avvicinato ad una materia che da subito mi ha affascinato: il fatto di poter trasportare dei segnali audio senza l’utilizzo dei cavi. Da questo è cominciata l’avventura che attraverso corsi ed esperienze mi ha portato a fare il mestiere che faccio adesso.

ZioGiorgio.it: sei “nato” all’interno di Madema?

Stefano: si ho cominciato la mia carriera in questa società dove ho potuto approfondire quello che mi interessava di più…

ZioGiorgio.it: Madema è molto conosciuta proprio per il suo parco di radiomicrofoni e per l’utilizzo che ne viene fatto: ci racconti qualcosa in merito?

Stefano: abbiamo circa 600 radiomicrofoni tutti in UHF dai 400 ai 900 MegaHertz.

ZioGiorgio.it: tutti? Non ci sono spazi liberi?

Stefano: no e ci sono anche dei doppioni: avendo 600 radiomicrofoni…

ZioGiorgio.it: come fai a gestire tutte queste frequenze?

Stefano: utilizzo delle apparecchiature che mi permettono di realizzare anche allestimenti complessi.

ZioGiorgio.it: ho visto che avete molti tipi di capsule…

Stefano: si ne abbiamo moltissime in particolare DPA, Sennheiser , Shure e AKG: a seconda delle esigenze del cliente abbiamo piena disponibilità di mezzi…

ZioGiorgio.it: come avviene la scelta delle capsule?

Stefano: mi interfaccio con il fonico o l’ingegnere che fa la ripresa audio.


Due momenti di una manifestazione dedicata a Gabriella Ferri, in cui sono stati usati i radiomicrofoni forniti da Madema.

ZioGiorgio.it: quando arrivi presso una location, come organizzi la parte dei microfoni wire-less? Ti occupi tu del management da questo punto di vista?

Stefano: in genere viene fatto un sopralluogo e si eseguono delle misurazioni, in base alle quali è già possibile scartare una serie di frequenze proibite oppure occupate: quelle che rimangono verranno utilizzate per le esigenze dello spettacolo.
Fatte le misurazioni, si procede ad una vera e propria progettazione che viene realizzata presso la nostra sede. In questa fase si tiene conto anche di eventuali esigenze legate alle dimensioni dell’ambiente che possono richiedere l’utilizzo di particolari apparecchiature aggiuntive.

ZioGiorgio.it: vengono utilizzati dei software in questa fase?

Stefano: si, vengono utilizzati software molto utili ma anche strumenti di misurazione ad alta precisione che mi permettono di raggiungere al meglio l’obiettivo.


Madema ha fornito i radiomicrofoni nella stagione estiva 2003 del teatro dell’opera di Roma: alcune immagini.

ZioGiorgio.it: utilizzate degli “spare”?

Stefano: si, sempre: tanto per le dirette TV che per gli altri tipi di eventi…

ZioGiorgio.it: come gestite questo tipo di segnali?

Stefano: intanto viene utilizzato un numero maggiore di microfoni rispetto a quelli richiesti dal cliente:i microfoni spare sono collegati come se fossero microfoni che devono funzionare regolarmente nello spettacolo.


Stefano Brugiotti.

ZioGiorgio.it: ormai sono anni che segui il mondo dei radiomicrofoni e lo fai in un’azienda leader del settore: pensi che ci sia qualche importante novità, qualche importante novità tecnologica?

Stefano: si: le aziende costruttrici stanno aumentando lo spazio disponibile in ricezione di ogni ricevitore.
Da 24MZ sono passti a 32Mz e si parla di arrivare a 90MZ dando così la possibilità di avere una maggiore scelta di frequenze…

Aldo “hucchio” Chiappini
ZioGiorgio.it staff

Luigi Di Guida, HTML editing
ZioGiorgio.it staff

Vai alla barra degli strumenti