Nuovo ZioGiorgio!

Benvenuti cari amici,

benvenuti nel caro, vecchio, ZioGiorgio.it, una testata editoriale presente sul web ormai da tempo immemore.
Suvvia, immemore per i tempi di internet, per il Calendario Gregoriano esistiamo da tredici anni. Esistiamo da quando i modem andavano a 14.4 kbit/s e da quando la rete era ancora vista come qualche cosa di esoterico, misterioso, a volte pericoloso.
Fu così che Mr. ZioGiorgio – pochissimi sanno chi è veramente e chi crede di saperlo non ne sia così sicuro – tolti i panni di tecnico, mondo dal quale tutti noi più o meno proveniamo, attaccò la spina dei server per accendere quello che una decina di anni più tardi sarebbe diventato un network mondiale, in sei differenti lingue, una realtà unica nel settore!
E fu con grande fantasia, e con una buona dose di follia, che al momento di decidere il nome del network, “Lo Zio,” prese le distanze da nomi altisonanti e pretenziosi quali superprofessional-showlight-audio e optò per un più enigmatico e simpatico ZioGiorgio.it.
Ma perchè proprio ZioGiorgio? Perchè no! Come se Apple facesse coltura biologica o Google fosse un’impresa di stura lavandini…

Sembra passato un secolo da quando navigavamo sulle scarne e lente pagine HTML anche se, in poco più di un decennio, internet è diventato strumento efficace ed insostituibile per chiunque.
Il resto è cronaca dei giorni nostri ed i vantaggi rispetto ad un’informazione “tradizionale” sono quantomai evidenti.
Nonostante tutto questo gran parlare, nonostante le prese di posizione di esperti o presunti tali, noi, non abbiamo mai ceduto alle mode del momento ed al sensazionalismo offerto dal social network di turno, abbiamo sempre e comunque cercato di fare informazione con le stesse identiche regole base che caratterizzano l’editoria fatta con serietà: un’informazione oggettiva, puntuale e professionale. Ben consci del fatto che in piena era digitale chiunque faccia grande sfoggio degli “ultimi ritrovati tecnologici” è drammaticamente sempre un passo indietro…

Dopo questa piccola ma dovuta regressione storica, eccoci al presente: ZioGiorgio ha cambiato veste grafica riorganizzando ed aumentando i contenuti redazionali al fine di risultare ancora più accattivante, semplice nella navigazione ed offrire maggior spazio agli articoli originali sempre più focalizzati su “temi caldi” e di attualità.
Nello slot chiamato con un po’ meno fantasia “ZioArea” ci dedicheremo all’approfondimento di tutti gli argomenti che di volta in volta incontreranno la curiosità del pubblico o che, per importanza ed urgenza, meriteranno un’indagine approfondita.
Sarà un modo per offrire anche la “faccia butterata della luna” visto che il nostro settore – non fa certo eccezione – non è fatto solo dalle luci della ribalta ma anche da tutte una serie di problematiche che affliggono da anni aziende e professionisti.
Nel nuovo portale non mancarà la nostra inossidabile rassegna stampa con la solita reattività e la cura grafica che da sempre ci caratterizzano ed in aggiunta ad essa un numero sostanzioso di news internazionali in lingua inglese, le flash news, che offriranno al lettore, nella totalità, una mole di informazione giornaliera unica nell’editoria di settore.

Ma ZioGiorgio non è solo ZioGiorgio Italia, nei primi mesi del 2013 è stato lanciato ZioGiorgio International Network, anch’esso tutto nuovo e con sezioni specifiche dedicate agli approfondimenti editoriali dal mondo. In pochi mesi sono stati ospitati nel nostro “Editor’s Corner” articoli su Montreaux Jazz Festival (con un’intervista esclusiva a Mr. John Meyer), Rock In Rio, Skunk Anansie, Jeff Ravtiz (LD Bruce Springsteen), visite ad aziende come Osram, Robe e molti altri articoli sempre con cadenza settimanale!

Altre novità, forse meno visibili ed appariscenti, hanno segnato il nostro cammino nell’ultimo anno.
Cogliamo l’occasione per dare il benvenuto a Valerie Anne Scott, persona di grande esperienza e grande conoscitrice del settore e che da settembre ricopre ufficialmente il ruolo di Marketing Manager per l’area UK e USA. A guidare il marketing di IntegrationMag.it invece una figura che molti di voi avranno avuto il piacere di conoscere negli anni, Andrea Gascone, le cui indubbie conoscenze saranno utili – e sfruttate – anche per questioni prettamente tecniche.
Per stare al passo con la tecnologia e gestire al meglio le esigenze di un progetto sempre più grande e complesso è arrivato nella famiglia anche un altro “genio del computer”, Giovanni Scala, che affiancherà l’ormai storico ed inossidabile team tecnico con sede a Roma.

Nonostante questo periodo di “ristrettezze”, sono già state pianificate per la nuova stagione fieristica trasferte nelle più importanti kermesse del settore cominciando nei prossimi giorni con SIEC di Milano e poi, nei soli primi due mesi del 2014 con NAMM di Los Angeles e ISE di Amsterdam, a testimonianza e conferma del grande impegno – anche economico – dell’azienda (NRG30 srl) da sempre dinamica e propositiva.

Ci fermiamo qui, perchè il rischio è diventare noiosi, anche se ad onor del vero è raro che raccontiamo qualche cosa di noi. Quindi, state tranquilli, per i prossimi dieci anni non leggerete più editoriali di questo tenore! Dal prossimo appuntamento si passerà a scrivere di fatti, prodotti, tecnologie ed ancora legislazione, associativismo e tutti gli altri temi che saremo ben felici di approfondire grazie anche alle vostre segnalazioni.

In chiusura, come ogni editoriale che si rispetti, vorremo fare qualche sentito ringraziamento. In primis tutti i lettori, molti di voi sappiamo che ci leggono appena acceso il computer col caffè della mattina e molti altri ci leggono in aereoporto, nel backstage di qualche arena, in furgone (lato guida…) e, con l’avvento dei tablet, sì, anche al gabinetto sfatando così anche l’ennesimo ed ultimo tabù del web!
Grazie alle aziende ovvimamente, per noi fatte di persone, volti, non loghi, banners o brand. Persone che da anni credono ed investono nel nostro progetto e che, in molti casi, sono cresciute con noi ed anche grazie a noi.
E poi tutti quei service piccoli, medi ed anche piccolissimi che hanno scritto e partecipato all’iniziativa “Lo Zio è di Tutti”, rubrica che ha avuto un successo incredibile. Sarà per questo che altri già stanno provando a scopiazzare la formula…
Visti i commenti positivi da più parti non possiamo che riflettere su questo importante segnale che il mercato ci ha dato al fine di dedicare sempre più risorse ed energie a questa fetta di settore che da anni è colonna portante del nostro business.

Siamo con voi.

A presto!

 

La Redazione

Vai alla barra degli strumenti