La Console grandMA2 per “Circus Under My Bed”

Lo show “Circus Under My Bed“, eseguito da Flying Fruit Fly Circus e presentato presso la Sydney Opera House, nell’ambito della stagione “Summer At The House”, è stato disegnato da Sian James-Holland e programmato da Matt Tweddle su una grandMA2 full-size.

Circus Under My Bed è uno spettacolo di intrattenimento per la famiglia eseguito in narrazione lineare, seguendo la semplice storia della vita di una giovane ragazza. Si susseguono poi una serie di avventure con dei magici amici immaginari che le fanno visita il tutto eseguito con una sorprendente abilità fisica.

rsz_flying_fruit_fly_circus1

Il progetto illuminotecnico ha avuto tempi di realizzazione molto stretti, e si è dovuto condividere l’impianto di illuminazione con un’altra compagnia circense che utilizzava lo stesso spazio con uno stile completamente diverso.
“Cercare di condividere uno spazio può essere un incubo e nonostante molti compromessi che si verificano durante tutto il processo, l’illuminazione è rimasta indipendente per gestire eventuali problemi tecnici con un programmatore di talento e una console appropriata per il lavoro”, ha commentato James – Holland. “Matt Tweddle e la crew del Sydney Opera House sono stati in grado di creare per noi un nuovo file personalizzato per lo show, pur avendoci permesso di utilizzare le informazioni di programmazione dall’altro show. Questo ha ridotto notevolmente il tempo di pre-programmazione “.

Lo spettacolo ha richiesto un tocco molto dolce e delicato per la sua estetica, creando profondità e altezza per permettere un approccio attraente e intelligente della narrazione creata da Jodie Farrugia, Direttore Artistico del “Fruities”.

rsz_flying-fruit-fly-circus

Per l’illuminazione dello show  è stata sfruttata la capacità della grandMA2 di gestire in modo semplice tempi e ritardi complessi delle cue, di eseguire i cambiamenti dei tempi di follow e delay in un range di cue, e di cambiare singoli parametri e canali pur essendo in grado di tenere traccia delle informazioni di tutto il processo di setup.

La grandMA2 ha anche permesso un facile accesso a un gran numero di opzioni nella gestione degli effetti che potevano essere opportunamente manipolati, aggiornati e sovrapposti su altri effetti per creare un look adatto allo show, permettendo un enorme risparmio di tempo.

“Quando si lavora con scadenze strette in un processo di progettazione in continua evoluzione, la grandMA2 consente una certa flessibilità che poche altre console sono in grado di offrire con tanta velocità e precisione”, ha detto James – Holland . “Con continui controlli di sicurezza e  numerosi cambiamenti di solito necessari, è fondamentale essere in grado di adattare un disegno luci rapidamente senza alcun ostacolo dato dalla console.”

“Una delle cose che amo di grandMA2 in progetti come questi, è che se si perde traccia della scaletta, il layout della grandMA2 e la possibilità di impostare visivamente la console nel modo migliore, aiutano molto il programmatore. Il layout e l’uso del grandMA2 permettono di creare layer stratificati e complessi con facilità, conservando potenza e velocità di gestione”.

info: www.molpass.it

Leggi altre notizie con:
Vai alla barra degli strumenti