B-EYE illumina il tour mondiale di Lady Gaga

Lady Gaga ha appena lanciato il suo nuovo tour in compagnia delle teste mobili a LED A.leda B-EYE K20 e degli Sharpy di Clay Paky. ArtRave è il nome  del quarto tour di 78 date dell’artista che promuove il suo terzo album “Artpop”, ed è cominciato il 4 maggio a Fort Lauderdale e toccherà Nord America, Europa, Oceania ed Asia.

PRG ha fornito i 120 B-EYE e una serie completa di Sharpy di Clay Paky, il tutto controllato da tre grandMA2 full-size e a 10 NPU. “Il production e lighting designer Roy Bennet voleva rendere lo show un “rave” coinvolgente, che riflettesse l’atmosfera di festa no-stop voluta da Gaga”, ha detto il programmatore Jason Baeri. “Ciò significa azione, vitalità, vivacità e super-energia. Per questo il set doveva includere tanto il palco quanto la folla. Il pubblico è vera e propria parte dell’allestimento, per questo dovevamo coinvolgerlo come componente essenziale della festa e non ridurlo a un osservatore lontano. Ovviamente è quasi come programmare due spettacoli in uno, facendo attenzione che il risultato sia un elemento coeso.”

Lady Gaga

Bennet descrive il set come tre palchi connessi da passerelle sospese sul palco in modo da permettere al pubblico di ballare e guardare Lady Gaga esibirsi al di sopra. “E’ uno spettacolo estremamente interattivo che entusiasma il pubblico con i suoi balli e le atmosfere elettrizzanti,” aggiunge. Bennet aveva già utilizzato i B-EYE in occasione dell’evento di Lady Gaga al Roseland Ballroom. Per questo tour sono montati sul videowall del palcoscenico che misura 0,91×12,19 m. “Sono delle vere e proprie delizie per gli occhi”, spiega. “Funzionano alla grande e sono molto affidabili.”

Per l’ArtRave tour il LD ha utilizzato anche gli Sharpy “su tutta la superficie: il palco principale, frontale, posteriore, laterale e sui pod sopra il pubblico. Gli Sharpy si comportano come le altre nostre principali luci ad effetto. Ne ho sempre almeno 100 se non 200 per ogni spettacolo.” Baeri ricorda anche la difficoltà nel gestire la gran quantità di dati del tour, alla luce dell’immenso numero di pixel da controllare. “Ci sono circa 120 B-EYE, tutti in modalità full-tilt, il che aggiunge più di 4.500 pixel. E va considerato che li utilizziamo in qualsiasi configurazione possibile. La musica di Lady Gaga è estremamente dettagliata. Per questo utilizziamo le luci al 100% delle loro potenzialità per armonizzarle ad ogni singola tonalità e inflessione delle canzoni.”

Lady_Gaga,_ARTPOP_Ball_Tour,

Solotech è responsabile dell’impianto video, mentre 8th Day Sound fornisce la strumentazione audio per lo show. Francesco Romagnoli, Area Manager di Clay Paky per Nord e Sud America, ha così commentato: “E’ favoloso partecipare ancora una volta al progetto di Lady Gaga ed è sempre un piacere lavorare con un talento come Roy Bennet. Lui e Jason stanno facendo un lavoro fantastico con questo tour!”.

info: www.claypaky.it

Vai alla barra degli strumenti