NAMM 2015: terzo giorno

Ed eccoci alle battute finali di questo NAMM 2015.
Dal canto nostro mai come quest’anno possiamo dire “che fatica!”. Un po’ per le varie vicissitudini – chiamiamole pure sfighe – che hanno segnato la nostra permanenza ad Anaheim, un po’ per la quantità impressionante di pubblico che ha letteralmente preso d’assalto i padiglioni della fiera e che ha reso il nostro lavoro di redazione più difficile che in passato.

namm2

Non sappiamo di preciso se l’organizzazione abbia allargato le maglie della già poca selezione di pubblico che c’era – perché lo ricordiamo, NAMM è dedicata agli addetti ai lavori – ma la folla fuori e dentro i padiglioni è stata evidentemente superiore rispetto agli anni scorsi, come non la si vedeva da anni. Un altro segno evidente, questo, che dall’altra parte dell’oceano un po’ di soldi sono tornati a girare nelle tasche di quegli spendaccioni degli americani…
Certo è che di “addetti ai lavori” di quindici anni ne abbiamo visti tantissimi, anche troppi, e come molti espositori anche noi dubitiamo della reale qualità del pubblico presente.

Il NAMM funziona e raccoglie pareri positivi da ogni parte perché è “cool”, è un evento organizzato in maniera perfetta, sempre ricco di aziende e personaggi e su questo non c’è molto da discutere.
Non si può dire la stessa cosa dei prodotti esposti che sono, inutile raccontarsi frottole, ripetitivi e sempre uguali fra di loro, fatta eccezione per le poche novità degne di un reale approfondimento tecnico.

namm1

L’Audio Pro, quello Hi-End, al NAMM ormai è relegato a poche specie sopravvissute a scapito di una “classe media” stracolma e ridondante di aziende che propongono una vasta gamma di strumenti più o meno utili anche se con una qualità media che, fortunatamente, è andata livellandosi verso l’alto nel tempo.
Difficile vedere strumenti realmente scadenti, è piuttosto più semplice imbattersi in prodotti efficaci e a prezzi quasi stracciati. Piattaforme di missaggio digitale a 16 canali con DSP e matrici “complesse” a meno di 2000$! Sistemi Wireless digitali affidabili e ben costruiti intorno ai 500$ e schede audio da 50$ che, credetemi sulla parola, potrebbero essere in qualsiasi studio di registrazione serio. Casomai il “problema” è che a nostro gusto veramente pochi sono quei prodotti realmente utili e che trovano una collocazione chiara nel mercato, un mercato fatto da un pubblico apparentemente sempre meno esperto e confuso, difficilmente in grado di distinguere tra utilità e fronzoli.

2015 NAMM Show - Day 2

Vorremmo poi spendere due parole sui prezzi. Qui al NAMM è consuetudine e buona norma visualizzare il prezzo di listino su molti dei prodotti esposti negli stand. Continuiamo a non comprendere come accade spesso che gli “street-price” di alcuni prodotti possano arrivare anche a cifre finite del 50% inferiori. Non sarebbe più saggio applicare delle politiche di prezzo, magari già adeguate verso il basso, più limpide e correttamente gestite? Ed invece alcuni reseller faticano parecchio, mentre altri riescono ad arrivare a scontistiche quasi impossibili, difficilmente applicabili dal distributore stesso.

In conclusione, quali sono secondo noi i prodotti più interessanti per questo NAMM 2015?
La scheda di Arturia Audiofuse, è veramente un prodotto intelligente e ricco di funzioni interessanti, come anche i prodotti per il live mixing di PreSonus che offre soluzioni per il missaggio digitale sotto ai 2000$ e implementa il protocollo AVB nei sui Studio Live.
Il nuovo preamplificatore di Manley Lab Force è tanto semplice quanto efficace, e non costa una follia. Bello esteticamente e funzionale il microfono a condensatore Hummingbird di Blue Mic che implementa una capsula mobile che abbiamo subito immaginato essere utilissima in studio e dal vivo.
E poi ancora Universal Audio con Apollo Extended che, visto l’interesse suscitato, sembra essere diventata un vero e  proprio punto di riferimento per il processamento di segnale in studio e live.

…che faticaccia!

Arrivederci al prossimo anno

Aldo Chiappini
ZioGiorgio Staff

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti