Outline al family day di Roma

Tra le varie iniziative riguardanti l’unione civile di coppie dello stesso sesso, tematica che ha acceso molte discussioni a livello sociale e politico negli ultimi tempi, una delle più importanti è stata il “Family Day” che si è svolto a Roma recentemente.

1 (2)

Il Circo Massimo, teatro dell’iniziativa è una location risalente al 7 A.C. in cui gli antichi romani organizzavano eventi come la corsa delle bighe o la simulazione di battaglie storiche. La pista lunga 680 yard a forma elittica è stata creata non solo per accogliere una grande quantità di pubblico, ma anche per permettere un’acustica uniforma su tutto l’anello.

Una perfetta intelligibilità in grado di coprire tutta la venue è stata richiesta anche per questa importante iniziativa, affidata a Cipiesse (Rezzato – BS). Il team audio era composto dal production manager Marco Riva, il sound engineer Raffaella Gatti, il PA man Giancarlo “Jerry” Paladini e il tecnico di palco Matteo Castellazzo.

DCIM100MEDIADJI_0081.JPG

Sulla copertura lungo tutto il Circo Massimo, Paladini ha dichiarato “Il nostro obiettivo è stato di dare una intelligibilità sufficiente in un’area lunga 350 metri e larga 100 mt, con un’apertura verticale in grado di raggiungere i 14 metri su un lato della location. Visto il poco tempo e il budget ridotto, non è stato facile coprire tutto lo spazio con una potenza sufficiente. Abbiamo deciso di utilizzare un sistema line array Outline, molto apprezzato per la sua portata, la precisione e la qualità audio. Tramite l’utilizzo del software OpenArray di Outline, siamo stati in grado di eseguire una simulazione precisa che ci ha permesso di arrivare alla location ed installare il sistema senza il bisogno di effettuare misurazioni.”

Il setup era composto da due sistemi line-array, ognuno con 12 Outline GTO C-12 e otto Butterfly. Una coppia di Butterfly sovrapposti è stata posizionata sollevata da terra a 6 piedi per permettere la copertura dei primi 7 metri ai lati del palco e due cluster composti dai sistemi Outline Eidos 265 sono stati utilizzati come front fill. Il tutto è stato completato da due sistemi di delay, il primo a 90 metri dal palco composto da due torri con sistemi Outline Butterfly (14 sul lato sinistro e 12 sul lato destro), il secondo a 180 metri composto da due stack Butterfly da 12 moduli ognuno.

Oltre ai sistemi per la diffusione sonora, erano presenti sei amplificatori Powersoft X8 e amplificatori T5 e t7 di Outline processati dai sistemi XTA 448 e 446.

Info: www.outline.it

 

Vai alla barra degli strumenti