Apia Pro Audio per il XX meeting sui diritti Umani

Ci siamo recati al Mandela Forum di Firenze in occasione dei preparativi per il XX Meeting sui Diritti Umani, un importante evento la cui preparazione e realizzazione tecnica è stata di particolare complessità viste le diverse tipologie di esecuzioni previste nel programma della giornata.
Non si è trattato infatti di un semplice meeting, ma di un evento ricco di musica e speech, con l’esibizione di alcune band e molti contenuti visual, il tutto per un pubblico di oltre 8000 persone che, dal parterre fino all’ultima fila delle tribune, hanno totalmente riempito il palazzetto

L’azienda senese Music Service di Rosario Aloisio ha ricevuto l’incarico di fornire ed installare tutti i materiali necessari alla produzione dell’evento scegliendo di collaborare con APIA per quanto riguarda i sistemi di diffusione, PA e monitor di palco.
Apia si è affidata all’ausilio della Live95 di David Barbagli, già proprietario di alcuni sistemi e prodotti da più di un anno, come responsabile tecnico nel montaggio.

Andiamo quindi a sentire le impressioni dei vari tecnici coinvolti in questa particolare installazione audio, iniziando proprio dal Responsabile Audio di Music Service, Giovanni Gasparini.

ZioGiorgio.it: Giovanni, puoi spiegarci più in dettaglio le richieste che hai avuto per quanto riguarda la gestione dell’Audio?

G. Gasparini: il cliente ha richiesto una copertura a 360° del Mandela Forum con un totale di 8000 spettatori seduti fra platea e gradinate, con particolare raccomandazione di raggiungere ogni zona, anche gli angoli più lontani e massima intelligibilità della voce. Altra richiesta fondamentale è stata quella di posizionare i cluster molto in alto per consentire un’alta visibilità al pubblico e lasciare liberi i led wall.

ZioGiorgio.it: oggettivamente, la posizione centrale del palco con anche una profonda passerella, non ti ha certo facilitato nel progettare l’installazione dei sistemi di sala e palco…

G. Gasparini: no infatti è stato abbastanza impegnativo, per il P.A. ho optato per due cluster main e due side composti da sei sistemi ARYO e tre MIO posizionati sopra i quattro angoli della pedana centrale, poi due rear formati da tre sistemi MIO per coprire la gradinata quasi verticale dietro il palco. Infine 12 front fill AXI-IN sui tre lati della pedana, il tutto allineato con gli otto RS-SUB ritardati ad arco del palco. Il tuning e l’allineamento dei sistemi è stato eseguito tramite “APNET”, il software di gestione proprietario di Apia. Infine, per il monitoraggio sono stati usati sette wedge AXI-M per la pedana, tre per la passerella e dieci AXI-L per il palco.

ZioGiorgio.it: qual’è la tua esperienza con i sistemi Apia?

G. Gasparini: è la prima volta che li utilizzo e mi piace provare nuove soluzioni. Ho avuto modo di ascoltare i sistemi Apia sul palco del Primo Maggio e ne sono rimasto piacevolmente colpito, poi l’amicizia con Leonardo Dani (Global Sales Manager APIA) e la sua professionalità mi hanno fatto stare tranquillo.

ZioGiorgio.it: come ti trovi a lavorare con questo sistema, sia da un punto di vista sonoro che costruttivo?

G. Gasparini: devo dire che ho apprezzato molto questo sistema, il suono è rotondo e preciso, la dinamica eccellente, i 110° di apertura e la notevole efficienza mi hanno consentito di coprire in modo ottimale la venue, la proiezione su EASE Focus si è rivelata precisissima, la costruzione di tipo “militare” è robustissima e il design accattivante.

Lasciamo quindi Giovanni, preso dalle ultime rifiniture, e ci spostiamo a trovare un vecchio amico dello Zio, Saverio Wongher, oggi in veste di Marketing & Comm. Manager di Apia Pro Audio.

ZioGiorgio.it: Saverio, come siete arrivati all’installazione di oggi?

S. Wongher: tutto è partito dalla richiesta di Rosario, di Music Service, il quale aveva ascoltato i nostri sistemi in alcuni eventi durante l’anno, nella possibilità di collaborare per realizzare questa particolare installazione che necessitava di un setup molto particolare. Dopo alcuni incontri e pianificazioni con lui abbiamo deciso che sarebbe stata una ottima soluzione l’utilizzo in modo diretto dei nostri sistemi e un buon test per noi. Siamo stati molto felici di essere presenti e riscontrare l’effettivo potenziale dei nostri prodotti in un allestimento complesso.

 

ZioGiorgio.it: dalla fabbrica al campo: raccontaci l’installazione che possiamo vedere oggi…

S. Wongher: Giovanni è già stato abbastanza dettagliato… posso solo aggiungere che tutti gli altoparlanti sono pilotati dai nostri finali Apia. Abbiamo infatti installato dietro al palco 6 AC-RACK con all’interno solo 15 amplificatori QDX-13, più che sufficienti per pilotare la gran quantità di casse installate. Questo permette una ulteriore ottimizzazione nei trasporti e logistica dei sistemi.

ZioGiorgio.it: per il futuro cosa ci dobbiamo aspettare da parte di Apia?

S. Wongher: in futuro sicuramente continueremo a lavorare con passione e molta dedizione per far si che il marchio APIA diventi riconoscibile e riconosciuto nel mercato mondiale del Pro Audio. Credo che oggi come mai, in un mercato saturo di marchi e prodotti consumer, ci sia la necessità di avere una attenzione maggiore ai dettagli ed un rapporto stretto con i professionisti del settore fornendo loro strumenti, supporto e professionalità pensati in modo specifico. Una stretta connessione con i distributori, un supporto dedicato per lo sviluppo di sonorizzazioni ed installazioni dei nostri prodotti e canali promozionali dedicati per tutti i partners APIA, sono alcuni delle idee a cui stiamo lavorando. Per il 2017 abbiamo in lavorazione un progetto per realizzare una rete di Rental certificati da Apia e alcune novità riguardo nuovi mercati dove APIA sarà distribuita. Inoltre al PL+S di Francoforte ci saranno alcune sorprese, ma magari ne parliamo ad anno nuovo.

La sensazione generale trasmessa dai prodotti Apia è quella di una diffusa attenzione ad ogni particolare costruttivo. Le meccaniche, i sistemi di verniciatura dei cabinet, nonché le componenti interne ed esterne, restituiscono una qualità generale di livello molto elevato, con un sound di sicuro adeguato a combattere con i prodotti più importanti e noti del mercato Audio Pro.

Diego Caratelli
ZioGiorgio Staff

© 2001 – 2016 NRG30 srl. All rights reserved

Vai alla barra degli strumenti