Powersoft alla Queen Elizabeth Hall di Anversa

In seguito ad una serie di interventi strutturali, la Queen Elizabeth Hall di Anversa è divenuta un moderno centro polifunzionale con spazi dedicati a concerti, congressi e altro ancora.  La struttura attuale ha una superficie di 25.000 mq con all’interno la Queen Elizabeth Hall con 2.020 posti a sedere, l’ampliamento del Centro Congressi e l’integrazione del nuovo edificio dell’Ala Storica, tutti collegati dalla spaziosa e luminosa Atrium Hall, che fornisce anche l’accesso principale all’edificio.

La multifunzionalità alla base del progetto consente di ospitare concerti e congressi, ma anche la musica classica combinata con teatro e concerti di danza e pop-rock. Per questo motivo era necessario un progetto tecnologicamente avanzato per consentire un veloce turn-over tra i diversi eventi.

Il compito è stato affidato a FACE, distributore belga di Powersoft, che ha coinvolto lo studio Ian Simpson Architects, lo studio di consulenza acustica Kierkegaard Associates, gli architetti Bureau Bouwtechniek, i consulenti teatrali Charcoalblue e l’azienda di installazione Putnam incaricata della posa e installazione de sistema audiovisivo, dell’illuminazione e dei relativi cablaggi.

La struttura è stata progettata per diventare la sala concerto europea più “silenziosa”, grazie all’ottimizzazione acustica di  Kierkegaard, e di conseguenza la scelta del sistema di diffusione sonora è stato critica. Steven Kemland ha commentato: “La scelta doveva cadere su diffusori passivi, i diffusori attivi, e quant’altro provvisto di un sistema di ventilazione non erano un’opzione, sia nella sede principale che nelle stanze circostanti.”
Infatti sono stati scelti i sistemi passivi di Renkus-Heinz VARIAi in configurazione cluster di array per ottenere una copertura ottimale.
Per il palcoscenico, diviso in tre elementi scenici mobili, sono stati scelti 26 diffusori Renkus-Heinz CFX41 in versione personalizzata in tre file, con l’ausilio del software EASE e delle simulazioni per il posizionamento ottimale dei diffusori.

Martin Audio ha invece fornito un sistema per il monitoring amplificato da 3 finali di potenza Powersoft X8 e 3 finali di potenza X4, mentre un amplificatore Ottocanali con un dispositivo di commutazione progettato da FACE, impiegato per i diffusori front-fill.

L’uso del software Powersoft Armonía ha permesso l’integrazione di un complesso set-up utilizzabile però con un’interfaccia estremamente user-friendly.
Il sistema principale di diffusione sonora è completato da una serie di diffusori dedicati al delay e da un sistema hearing-aid Ampetronic, suddiviso in cinque zone indipendenti.

L’interconnessione fra le zone e le apparecchiature audio è stata realizzata con la rete Dante attraverso una piattaforma MediaMatrix NION“Il fatto che tutti i componenti che abbiamo selezionato siano provvisti di interfaccia Dante permette un controllo completo e rapido del sistema”, conclude Kemland. “Questo progetto è stato un onore e una sfida per me e per il mio responsabile del progetto Stijn Vermeiren oltre che l’intero team di installazione, che hanno lavorato nella location per più di sei mesi. Si tratta di una delle infrastrutture più complesse che abbiamo realizzato in Belgio. “

Info: www.powersoft-audio.com

Vai alla barra degli strumenti