Da FBT il sistema portatile Vertus CS1000

FBT ha dato vita con Vertus CS1000 ad un array professionale estremamente compatto, facilmente trasportabile, modulare e facilmente configurabile. E’ in grado di integrarsi in modo discreto in qualunque ambiente ed installazione che richieda un suono di qualità ed una caratteristica direzionale controllata.

Si tratta di un sistema bi-amplificato composto da un sub, che fa anche da base al sistema, e un satellite integrato in multistrato di betulla con amplificatore da 600W RMS Subwoofer + 400W RMS Satellite ed alimentatore switching.
Il cabinet del subwoofer, configurato in bass-reflex, monta uno speaker da 12’’ a lunga escursione, integra quindi un modulo di amplificazione a due canali in Classe D ed un vano di contenimento sia del palo di sospensione del satellite che del satellite stesso, che viene bloccato nella sua sede con un sistema di ritenuta a pulsante durante lo stoccaggio o il trasporto. Molto comodo quindi poichè nel trasporto il sistema ha lo stesso ingombro del solo sub.

La connessione tra il palo e il satellite avviene tramite uno snodo che permette l’angolazione verticale del top orientando così le alte frequenze nell’area di ascolto desiderata. Il satellite, in multistrato di betulla, è passivo ed è connesso direttamente al sub tramite un cavo Speakon in dotazione. Questo è composto da ben 6 altoparlanti al neodimio da 3’’ full-range a gamma estesa. La dimensione contenuta in larghezza della colonna permette una dispersione orizzontale ampia, 110°. L’array, se visto verticalmente, ha una configurazione interna degli speaker a J, il che permette di avere una dispersione verticale di 30° (+10° / -20°).

Il sistema è concepito per essere modulare, si possono accoppiare due sistemi in modo coerente e formare così un unico sistema di potenza doppia. In tal caso l’SPL massimo cresce di 6dB, la direttività orizzontale rimane invariata mentre quella verticale diventa di 40° (+20° / -20°) se si montano gli array uno sopra l’altro.

Il processamento del segnale audio è totalmente digitale tramite DSP e convertitori a basso rumore. Dotato di 8 preset di equalizzazione per un suono appropriato e un setup rapido per diverse situazioni. Il volume del satellite può essere regolato, rispetto a quello del subwoofer, da -4.5 a +5 in 8 step. Un filtro HPF selezionabile permette di tagliare le frequenze troppo basse dal subwoofer che potrebbero dare fastidio in certe condizioni (palchi risonanti, ambienti con acustica difficile etc…).

Info: www.fbt.it

Leggi altre notizie con:
Vai alla barra degli strumenti