Alla scoperta di Vectorworks

Oggi offriamo ai nostri lettori una panoramica su Vectorworks, uno dei software più completi per quanto riguarda il BIM (Building Information Modeling) e la progettazione in genere. Vectorworks, Inc., con base in Columbia, Maryland, è utilizzato in tutto il mondo da oltre 650,000 professionisti appartenenti al mondo dell’architettura, della paesaggistica e dell’entertainment, ed è presente nel mercato dal 1985.

Si tratta di un prodotto completo e ben congeniato, com all’interno un sofisticato ambiente di disegno 2D ed un ambiente di modellazione 3D, in grado di permettere ai professionisti la realizzazione di progetti che vanno dall’architetturale al paesaggistico, passando per la modellazione 3D e il Lighting Design. Una suite completa che, grazie ai diversi workspaces, consente di implementare soluzioni di progettazione curati nei minimi dettagli per mezzo dei numerosi tools e feature che di fatto semplificano e velocizzano il lavoro del progettista.

Vectorworks è in grado interfacciarsi con numerosi altri software come ArchiCAD, SketchUp, Autocad, Cinema 4D, Revit e altri, e consente agli utenti di generale piante, prospetti, sezioni, rapporti e liste di materiali basate sulle informazioni contenute nel progetto, oltre a realizzare presentazioni completamente personalizzabili per quanto riguarda l’aspetto grafico. Il particolare rendering disponibile anche in stile sketch genera rappresentazioni che assomigliano a tratti fatti a mano e fanno assomigliare i progetti a delle illustrazioni. Il software viene fornito sia per Mac OS X che per Windows.

Prima di parlare del software e nello specifico dell’utilizzo nell’ambito Entertainment, vogliamo condividere qualche considerazione che a nostro avviso determina, ancora prima dei contenuti, il livello di qualità di questa azienda.

Forum: è una sezione del sito ben organizzata dove gli utenti possono confrontarsi ed entrare in contatto con gli sviluppatori. È possibile accedere direttamente all’area di interesse (Architecture, Site Design, Entertainment, Vision, ecc…) e ricercare in modo semplice risoluzione di problemi, modalità di utilizzo, tips ecc…

Feedback: è una particolare sezione all’interno del Forum dove è possibile proporre modifiche (wishlist) e segnalare problematiche o bug. I tempi di risposta sono spesso rapidi ed è possibile votare le proposte in modo da permettere agli sviluppatori di capire le priorità di intervento.

Webinars: è una sezione del sito in cui sono presenti una serie di corsi online utili e gratuiti, registrati o live, per meglio comprendere l’utilizzo delle funzionalità di Vectorworks.

Tutorial: non c’è molto da scrivere. Per gli appassionati dell’entertainment è sufficiente andare a vedere la playlist playlist dedicata nella pagina YouTube dell’azienda, per imparare i fondamentali di Vectorworks Spotlight in 23 video. E non solo, il canale Vectorworks è ricco di video, spunti e ispirazioni per qualsiasi tipologia di progettazione.

Personalmente ho utilizzato numerosi software dedicati alla progettazione illuminotecnica e Vectorworks si piazza senza dubbio nell’elite di questo settore, in particolare per l’attenzione e la cura nel rendere l’esperienza di progettazione pratica e veloce, con la possibilità di scegliere il livello di dettaglio del proprio progetto, supportati in ogni fase dalle numerose risorse descritte in precedenza.

Parlando prettamente dell’organizzazione e utilizzo in ambito Entertainment, Vectorworks mette a disposizione due concetti fondamentali: Classes e Layers, tradotti rispettivamente in modo pratico con “cosa” e “dove”. Selezionando il workspace Spotlight, il sistema crea una serie di classi predefinite che permettono di associare in modo veloce i vari oggetti che via via si andranno a creare.

In fase di progettazione sono presenti numerosi strumenti e feature che permettono di realizzare ogni particolarità di un allestimento. Tra i Tool Sets sono presenti alcune funzioni interessanti che vanno dal palco modulare, rampe e scale, con possibilità di scegliere oltre alla tipologia di superficie, anche la grandezza dei singoli moduli o la tipologia di sostegno, fino alla selezione delle fixture luci, passando per tendaggi, impianti audio line array, speaker su stativo, truss di ogni tipo, gestione del rigging, video proiezioni, LED wall, creazione del layout delle sedute, gestione dei cablaggi e altro ancora. Per ogni Tool sono presenti una serie di opzioni che permettono di dare vita ad un progetto davvero realistico e senza compromessi.

Particolare anche l’utilizzo delle snap, con la presenza dello smart point, che di fatto permette di trovare con precisione punti nello spazio, senza dover per forza tracciare linee di supporto o dover cambiare di continuo la tipologia di snap.

Nell’immagine potete osservare come è stato semplice trovare un punto preciso ad un terzo della lunghezza totale del modulo, semplicemente andando a selezionare il mid-point tra il vertice e il mid-point del modulo. L’operazione è immediata e non necessita di click se non quello finale sul punto desiderato. È sufficiente rimanere fermi per un brevissimo tempo in un determinato punto e attendere che appaia il quadrato rosso, per poi ripetere l’operazione sul punto di riferimento successivo.

Veloce e pratica anche la costruzione di tratte composte da truss o pipe, in quanto non è necessario andare a cercare dalla libreria modello e tipologia di truss (cosa che si può fare in un secondo momento con una sorta di conversione) ma, una volta selezionato il tool straight o curved truss, Vectorworks offre una serie di opzioni che vanno dalla semplice determinazione della lunghezza, fino alla scelta e dimensionamento del profilo (quadrato, trianglolare, piatto ecc…), la scelta del sistema di connessione, del pre-rigging e altro ancora.

Una volta convertita una truss o un pipe in “Light Position“, è possibile poi andare ad “agganciare”, posizionare, distribuire le varie fixture con tanto di scelta del DMX mode e una serie di tips molto utili che di fatto semplificano anche in questo caso il lavoro.
Terminato il disegno è possibile passare all’assegnazione di indirizzi DMX, numerazione delle fixtures, assegnazione di accessori e altro ancora, tramite la funzione “Number Instruments“, che permette con pochi gesti di decidere cosa e come numerare tra le fixture selezionate.

La fase di progettazione è ricca di piccoli ma utili particolari che rendono l’esperienza con questo software molto piacevole e per nulla stressante, come la rappresentazione grafica dell’ingombro di una fixture, la possibilità di generare più tipologie di label identificativi del proiettore per evitare problemi di lettura, due menu laterali che permettono di selezionare velocemente i vari tool o di scegliere di visualizzare o meno classi di oggetti o layer in qualsiasi momento, e la possibilità di creare e stampare report andando a pescare i dati direttamente dal database collegato al progetto.

L’ultimo step consiste nella creazione delle tavole di progetto. Anche in questo caso è sufficiente scegliere la funzione “Create View” per permettere la creazione delle varie viste sulle quali è possibile andare a selezionare il formato della pagina, impostare la scala, decidere il punto di vista ed eseguire il rendering se necessario. Tramite il tool “Sheet Border”, è possibile infine andare ad inserire le informazioni sul progetto scegliendo tra svariati layout disponibili, mentre tramite un’altro tool si andrà ad aggiungere la legenda relativa alle varie fixture.

E poi? Non vi resta che inviare il tutto a Vision per testare il progetto con la vostra console, ma questa è un’altra storia…

Con questo primo articolo abbiamo voluto illustrare alcune delle moltissime funzionalità di questo strumento, focalizzandoci nell’utilizzo base come software per la progettazione luci, ma vi assicuro che le potenzialità sono molte, date anche dall’interfacciamento con il software di simulazione 3D Vision, dalle tante possibilità offerte dal rendering e dai numerosi tool offerti.

Ne volete ancora? Stay Tuned!

Info: www.vectorworks.net

Walter Lutzu
ZioGiorgio team

© 2001 – 2017 NRG30 srl. All rights reserved

Vai alla barra degli strumenti