Gli Scorpions scelgono Claypaky

La leggendaria band heavy metal tedesca Scorpions e i Megadeth hanno dato vita all’entusiasmante Crazy World Tour 2017 in compagnia di un rig luci ricco di fixture Claypaky. Le date di Settembre e Ottobre hanno incluso il ritorno della band al Madison Square Garden di New York, location storica dove non si esibiscono dal 1984.

Il regista e direttore luci Manfred Nikitser, della MANIK Show Lighting, ha ideato uno show “classic rock” con una scena pulita ma potente e ricca di effetti, grazie anche all’utilizzo di grossi schermi LED, americane e pedane su un palco dagli angoli decisi. “Volevo fondere video e luci, usando gli schermi LED per immergere il palco in una luce dai colori saturi. Era importante anche integrare perfettamente le telecamere per le riprese dal vivo, anche se il girato è comunque stato rielaborato in post-produzione per restituire fedelmente l’atmosfera e gli effetti sul palco.” Il set è stato inoltre progettato per potersi adattare facilmente agli standard tecnici dei vari paesi e alle diverse dimensioni delle location. “L’allestimento doveva basarsi su elementi disponibili in tutti i paesi” ha sottolineato Nikitser. Questo perché la produzione si porta dietro il palco, gli schermi LED e la pedana per la batteria, mentre luci, motori e americane vengono noleggiate in loco.

Per il tour Nikitser ha scelto i prodotti Claypaky Scenius Spot, A.leda B-EYE K20 e gli Sharpy Wash. In particolare, l’illuminazione principale è basata su 58 Scenius Spot. “Non vedevo l’ora di arrivare alle prove e accendere tutto per la prima volta, in modo da valutare l’impatto generale delle luci con gli schermi LED” ha ricordato Nikitser. “Sono molto sensibile all’impatto visivo e capisco subito se una luce è giusta o se si tratta di un compromesso. Devo dire che sono rimasto soddisfatto fin da subito della qualità dell’allestimento. I colori forti e saturi degli Scenius, la luminosità a campo largo e la velocità degli effetti sono davvero impressionanti.”

Lungo le truss laterali che incorniciano gli enormi schermi LED sono stati installati 36 B-EYE K20. “Abbiamo provato diversi tipi di luci, ma i migliori sono risultati i wash LED. Sono fantastici anche con un quantità ridotta di fumo, perché ti permettono di usare le classiche linee morbide e attenuate, ma anche tagli più netti e a fuoco. K20 è a mio avviso lo standard in materia di wash LED: la luminosità e lo zoom sono ottimi, e la luce è di una qualità straordinaria. Trovo utilissimo il fatto che i colori dei LED siano calibrati e possano essere usati in modalità CMY. In questo modo non ho bisogno di utilizzare un ulteriore canale per il bianco e gestirli diventa più facile”.

A complemento dell’allestimento sono stati scelti 7 Sharpy Wash, posizionati sotto l’elevatore della pedana della batteria, che viene sollevata durante l’assolo. “Sono stati montati sulla pedana, nascosti da una fila di pannelli LED” ha spiegato Nikitser. “L’obiettivo era quello di creare degli effetti che esaltassero l’assolo della batteria proprio durante il sollevamento della pedana. Abbiamo provato diversi fari, ma gli Sharpy Wash sono risultati imbattibili in termini di dimensioni, luminosità, effetti, velocità, e anche potenza e peso. Non potevamo caricare troppo la pedana e lo spazio a disposizione era poco, perché la batteria doveva rimanere nascosta dietro i LED. La resa e la definizione del raggio sono incredibili. Nessun altro faro che io conosca ha queste performance”.

Francesco Romagnoli, Area Manager Claypaky per il Nord America e l’America Latina, ha aggiunto: “Gli Scorpions sono una band leggendaria, ed è decisamente un grande felicità vedere un così massiccio uso delle nostre luci nel loro tour”.

Info: www.claypaky.it

Vai alla barra degli strumenti