Da Shure un’utile guida su come evitare interferenze, filtri e ronzii nei microfoni

Shure Italia è presente sul web con un blog che risulta essere un’ottima raccolta di risorse per coloro che vogliono saperne di più sul vasto mondo di microfoni, con all’interno articoli utili e tips, come ad esempio alcuni consigli per eliminare quei fastidiosi rumori indesiderati sul palco, in studio e in ogni situazione di ripresa microfonica.

Uno dei maggiori problemi deriva dal noto ronzio di messa a terra, che spesso arriva dall’interferenza generata dalla corrente alternata. I campi elettromagnetici, soprattutto se vicini possono causare ronzii nel microfono, in particolare nei dinamici che hanno una bobina mobile. Per questo motivo Shure consiglia di utilizzare, in caso di fastidio notevole, dei dinamici come l’SM7B che grazie alla bobina humbucker riduce il rumore, oppure usare un microfono a condensatore senza trasformatore che non essendo dotato di bobine risolve il problema.

Un altro problema è l’effetto filtro a pettine (comb filtering) che si può verificare quando una stessa sorgente è ripresa da più microfoni a distanza diversa. Questo può capitare spesso con la batteria o, in ambito completamente diverso, nel teatro quando due attori parlano stando molto vicini o attaccati. La differenza di fase provoca il cosiddetto filtraggio a pettine, che può cambiare anche significativamente il suono, e la somma dei due microfoni ovviamente amplifica l’effetto con l’aumento di volume.
Nel teatro le soluzioni sono diverse, come regolare i volumi diversamente in tempo reale, indirizzare i microfoni ad altoparlanti diversi o usare un sistema di AutoMixer. Per la batteria o altri strumenti, con microfoni fissi, si può agire con precisione millimetrica utilizzando dei plug-in per l’allineamento di fase.
Nel blog questo problema è trattato anche per i podi da discorso, dove spesso si utilizzando due microfoni gooseneck contemporaneamente che possono creare questo problema di filtraggio.

Altro problema nei live può essere lo sganciamento dei dispositivi radio, come personal monitor o radiomicrofoni. Qui il consiglio è sempre quello di utilizzare dei ricevitori diversity, che con due antenne garantiscono che una delle due riceva sempre il segnale migliore.

Problema più grave invece è quello delle interferenze dal segnale del digitale terrestre. Un ricevitore con una scansione più fine aiuta a trovare gli spazi liberi, il posizionamento delle antenne verso i trasmettitori ed evitare di posizionarli dietro pareti schermanti aumenta le prestazioni.

Nel blog si parla anche di disturbi causati dai dispositivi GSM, esempio tipico le sale riunioni o congressi dove anche centinaia di smartphone e tablet possono essere in uso contemporaneamente.

Questa e altre soluzioni tecniche sono presenti nel blog. Trovate quella più adatta a voi.

Info: www.shure.it
Info: Shure.it Facebook

Vai alla barra degli strumenti