QSC: parola d’ordine innovazione e qualità

Il 2017 e il 2018 sono anni ricchi di soddisfazioni per QSC, che sta ottenendo un numero sempre più crescente di riconoscimenti grazie ad alcune importanti innovazioni come i mixer TouchMix e la premiata serie di diffusori K.2. Non da ultimo i 50 anni di attività della nota azienda, festeggiati con l’annuncio di un milione di diffusori venduti e il lancio del subwoofer KS112.

La serie K.2 è composta dai modelli full-range K8.2 da 8”, K10.2 da 10” e K12.2 da 12”, e offre un elevato numero di feature in grado di stabilire un nuovo standard per la tecnologia dei diffusori attivi. Presenti inoltre i sub KS212C e KS112 lanciato quest’anno al NAMM.
Ogni diffusore appartenente della Serie K.2 contiene al suo interno un modulo di alimentazione da 2000-watt accuratamente abbinato ai woofer ad alte prestazioni e ai driver a compressione. Il sistema DMT™ (Directivity-Matched Transition) assicura una copertura perfetta lungo tutta l’area di ascolto. Il DSP On-board è dotato della tecnologia QSC Intrinsic Correction™ e di un sistema avanzato di gestione per ottimizzare ulteriormente le prestazioni. I modelli estremamente flessibili della serie K.2 contengono un’ampia libreria di preset per le applicazioni più comuni come Stage Monitor, Dance Music, Amplificazione di strumenti musicali, Microfoni palmari e altro ancora, e offrono inoltre la possibilità di creare nuove Scene per richiamare alcune impostazioni configurabili come la tipologia di input, delay, EQ, cross-over e preset tramite l’apposito pannello di controllo con schermo LCD presente sul diffusore.

Il sub KS112 è dotato di un singolo trasduttore da 12 pollici con DSP integrato in grado di offrire svariati settaggi e possibilità di utilizzo dei preset per le applicazioni più comuni e/o di creare dei preset utente per installazioni particolari. Con una potenza di 2000 W e una pressione acustica SPL generata pari a 128 dB, rappresenta una soluzione per il rinforzo in gamma bassa potente e estremamente compatta grazie all’adozione della tipologia band-pass del 6° ordine,  con all’interno la nota affidabilità di QSC e lalgoritmo proprietario Intrinsic Correction, implementato su tutte le linee di diffusori e disponibile come voicing in tutta la serie di processori audio networking. Il case è realizzato in multistrato di betulla ricoperto di vernice antigraffio ed è dotato di due fori M20 per l’inserimento degli appositi pali utili al montaggio di un diffusore satellite con il subwoofer in configurazione orizzontale o verticale.

Info: www.qsc.com
Info: www.exhibo.it

Leggi altre notizie con:
Vai alla barra degli strumenti