Green Hippo scelto per i contenuti video di ESC2018

Eurovision 2018 è stata l’occasione per assistere ad un esempio spettacolare di 3D projection mapping. Elina Nechayeva, cantante proveniente dall’Estonia, si è esibita con un abito di 52 mq, e dal peso di 8kg, che durante la performance è stato utilizzato come un vero e proprio schermo per proiezioni sul quale scorreva la storia del proprio brano “La Forza”.

Green Hippo Eurovision 2018

Photo Credit – Ralph Larmann

Anche la Germania ha fatto uso del 3D mapping per la propria esibizione utilizzando però uno schermo gonfiabile, mentre l’artista russa ha scalato la vetta di una montagna proiettata in un sistema di mapping. Le performance del Regno Unito è stata animata da un pixel mapping, mentre paesi come Australia, Belgio, Malta e Svezia si sono serviti di LED tubes.

Green Hippo ha raggiunto Nick Charalampidis, Media Server Desk Operator dello show, che ha svelato qualche segreto di questo importante evento.

Photo Credit - Ralph Larmann

Come sei stato coinvolto a ESC?

Inizialmente la produzione non voleva utilizzare contenuti video. Nel frattempo, qualche delegazione decise di utilizzare l’elemento video nel proprio show, e così ho preso parte al team di Jerry Appelt.

Chi decide i contenuti video per ciascuna performance?

Ogni delegazione è responsabile dei propri contenuti video, e devono preoccuparsi di consegnarlo nel giusto formato in modo da facilitare il mio lavoro. La maggior parte del video è si schermi LED o pixel mapping.

Parlaci dell’architettura del tuo sistema

Ho utilizzato Green Hippo, con Hippotizer Boreal+. I server provengono da FABER, azienda olandese e sub affittati al fornitore di Eurovision, Ampco Flashlight. Ampco si è occupata di luci, rigging, truss, proiezioni e LED. Inoltre utilizzo due console MA Lighting per il playback – una attiva e una di backup – oltre a due NPU.

I contenuti sono un mix di 3D e LED – come li hai gestiti?

Abbiamo deciso di utilizzare due sistemi indipendenti – uno era SHAPE per gli elementi 3D, mentre Hippotizer è stato impiegato per le proiezioni LED. Il sistema si completava con due unità che operavano in background come backup ridondante.

Lavorare con così tante delegazioni è complicato?

Infatti! Utiliziamo SHAPE per tutti i mapping 3D delle delegazini Russia, Estonia e Germania. I contenuti sono forniti dalle delegazioni – noi gli comunichiamo di cosa abbiamo bisogno in termini di risoluzione, codec ecc… Una sfida è rappresentata dal fatto che il video non proviene da un unico fornitore, quindi non è organizzato allo stesso modo.

SHAPE è stato di grande aiuto nella fase di preparazione delle produzioni 3D e abbiamo ottenuto un supporto continuo da parte di Green Hippo nella persona di Lanz Short.  Lanz ci ha assistito nella fase di pre-produzione e nella realizzazione del workflow di tutti i video clips. Inoltre la possibilità di regolare luminosità e contrasto live è stata molto utile. Potevamo tenere sotto controllo la proiezione e la preview ed eravamo in grado di modificare i modelli 3D in tempo reale.

Cosa ti ha spinto a scegliere di lavorare con la tecnologia Hippo?

Ho scelto Green Hippo per la sua flessibilità e stabilità, per il fatto che posso accedere alla rete da ogni postazione e per l’interfaccia semplice ed intuitiva – e infine per la possibilità di intervenire sui media in tempo reale.

La finale di Eurovision è uno show televisivo in diretta molto complesso: raccontaci come sono stati gestite le criticità durante la trasmissione

Eurovision riprende due prove di abito con un pubblico, e le prove vengono trasmesse e registrate anche dal vivo. Questo ci dà due copie delle registrazioni che possono essere utilizzate in emergenza durante la finale.

Puoi darci qualche numero relativo all’Eurovision?

Ho utilizzato l’ultima versione di Green Hippo SHAPE 3D Mapping di cui adoro la flessibilità e il fatto che ti permette di aggiustare i modelli 3D al volo. Sette videoproiettori laser Panasonic 31K hanno gestito le proiezioni sul palco, con altri sei che si occupavano degli schermi in zona pubblico. Australia Svezia hanno utilizzato le proiezioni LED ROE Tubes, mentre Malta ha fatto uso del processore Brompton e di uno schermo ROE Black OnyX 2.8ml.

Il product specialist di Green Hippo Lanz Short ti ha seguito durante la settimana di programmazione. Com’è andata?

Lanz è stato di grande aiuto per quanto riguarda SHAPE. È stato un piacere lavorare con lui, e del fatto che mi ha permesso di concentrarmi sulla programmazione, occupandosi della fase di setup. Lanz ha curato alcune fasi di programmazione di 3D SHAPE, ed ha controllato tutti i mappings forniti dalle delegazioni.

Info: www.green-hippo.com
Info: www.spotlight.it

Vai alla barra degli strumenti