Tutto sotto controllo con Braceworks by Vectorworks

Oggi più che mai la tecnologia e l’evoluzione dei sistemi di simulazione in ambiente lighting e strutture consentono di realizzare in modo sempre più preciso pre-visualizzazioni di rig luci, con un livello di dettaglio elevato. Una evoluzione che è arrivata al punto di poter stabilire con esattezza le caratteristiche non solo visual ma anche strutturali del proprio lavoro, che di fatto rappresenta anche una semplificazione per coloro che devono procedere alla certificazione di un progetto in termini di sicurezza.

Oggi vi parleremo di Braceworks™ una particolare add-on per le versioni Vectorworks Spotlight e Designer che consente la progettazione di sistemi di rigging. Il software è in grado di dare origine ad un vero e proprio modello basato sul proprio progetto, con tanto di analisi, documentazioni e calcoli vari, interagendo direttamente con il disegno realizzato con Vectorworks Spotlight.

Braceworks è in grado di eseguire una analisi completa 3D considerando tutte le tipologie di carico – siano esse distribuite o punto-punto – come fixture, cablaggi o altri materiali, restituendo un report statico completo denominato Finite Element Analysis (FEA) con tanto di rappresentazioni grafiche, calcoli e verifiche delle criticità. Il modello può essere inoltre esportato nel formato DSTV, compatibile con altri software FEA.

Per toccare con mano queste potenzialità abbiamo organizzato una sessione streaming online con i product specialist Vectorworks che ci hanno illustrato tutte le caratteristiche di questo particolare potente tool.

Per passare immediatamente dalla teoria alla pratica abbiamo realizzato un paio di progetti con differenti gradi di complessità sui quali sono stati applicati motori e fixture. In un primo caso avevamo due truss parallele sulle quali sono state agganciate tramite motore altre due truss perpendicolari, mentre nel secondo esempio avevamo a disposizione un disegno molto più complesso con truss curve e un supporto principale appeso. Inutile dire che gli strumenti messi a disposizione da Vectorworks compresi i vari shortcut o il sistema di individuazione rapida dei vari snap, consentono di risparmiare tempo nella stesura del proprio modello 3D.

Primo punto di forza di Braceworks è la possibilità di inserire un fattore di rischio sulle singole truss. Si tratta di un parametro fondamentale se ci troviamo ad avere a che fare con fornitori di cui non conosciamo la cura che hanno nei confronti del proprio materiale. È sufficiente infatti impostare una serie di valori di sicurezza “Safety Factors” che non sono altro che dei valori che indicano al software di considerare un carico sulla truss inferiore rispetto a quello definito dalle certificazioni di fabbrica.

Anche il posizionamento dei motori risulta immediato e altamente personalizzabile. Possiamo infatti selezionare direttamente il modello o addirittura personalizzare i valori di carico, lunghezza catena ecc…
Ancora più utile è la possibilità di monitorare in tempo reale i valori di carico man mano che appendiamo i vari materiali alle varie tuss: con un semplice click il sistema ci permette di visualizzare accanto a ogni punto di rigging la tipologia di motore presente, l’altezza del gancio, la lunghezza totale della catena e quella in uso e infine il carico presente su quel determinato punto.

 

Naturalmente questi dati vengono modificati automaticamente nel momento in cui variamo il carico sulla truss semplicemente spostando un proiettore anche di pochi centimetri.

Terzo aspetto fondamentale ed innovativo di questa piattaforma è la possibilità di visualizzare in forma grafica e direttamente sul progetto l’andamento dei carichi, in modo da individuare eventuali criticità rapidamente e poter intervenire già dalla fase di progettazione, evitando brutte sorprese durante l’allestimento. Come potete vedere dalle immagini qui sotto, il software disegna i vari carichi direttamente sulla truss, utilizzando colori differenti per segnalare il livello di criticità.

La procedura di individuazione dei carichi risulta tanto precisa quanto rapida. Con una sessione di un’ora circa siamo partiti da zero con la costruzione di diversi rig luce, abbiamo disegnato e configurato le varie truss e strutture e inserito i motori, fino ad avere sotto controllo la staticità completa del progetto.
Ma non è finita qui! Con l’ennesimo click Braceworks si mette al lavoro e in breve tempo ci restituisce un pdf con all’interno un report FEA (disponibile qui), completo di ogni informazione con tanto di indice iniziale, elenco dei materiali coinvolti, fattore di rischio impostato, forze e pesi suddivisi per tipologia di materiale,  rappresentazioni grafiche delle truss impiegate con tanto di percentuale di carico evidenziato di colore diverso nel caso in cui superi la portata massima della struttura, formule matematiche e altro ancora. Insomma, tutto ciò che vi serve per lavorare in sicurezza e per fornire agli addetti alla certificazione della struttura uno strumento utile ad alleggerire il proprio lavoro e migliorare il risultato finale.

Tutto sommato Braceworks risulta un ottimo strumento ben congegnato e che consente al Lighting Designer o comunque al progettista di operare considerando il fattore statico sin dalla fase creativa. Di certo è vero che spesso il LD non è responsabile della parte strutturale di un progetto, ma con questo software è in grado di fornire a colui che si occuperà della certificazioni dei carichi una serie di nozioni utili ad alleggerire il lavoro di entrambi.

Walter Lutzu
ZioGiorgio team
© 2001 – 2018 NRG30 srl. All rights reserved

Leggi altre notizie con:
Vai alla barra degli strumenti