LS9 Dante Tio Audinate etc

Home Forum Audio Pro LS9 Dante Tio Audinate etc

Questo argomento contiene 7 risposte, ha 3 partecipanti, ed è stato aggiornato da Diego Caratelli Diego Caratelli 2 giorni, 1 ora fa.

Stai vedendo 8 articoli - dal 1 a 8 (di 8 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #68877

    chiccone
    Partecipante

    Salve, una domanda
    secondo qualcuno più esperto, è possibile usare su un LS9 16, con scheda Dante Audinate MY16, un rack in palco TIO 168-D su un cavo CAT5 oppure CAT 6?
    La domanda in pratica è
    La stage box TIO 168-D nata per i mixer della serie TF, via Dante è compatibile con gli LS9?
    controllo il Gain e la Phantom in remoto, via scheda Dante MY16D ?

    Grazie a tutti quelli che mi sanno dire qualcosa di sensato

    Chicco

    #68899
    Diego Caratelli
    Diego Caratelli
    Moderatore

    Premesso il fatto che la rete Dante viaggia SOLO su cat 6 (neanche 5e, ma solo cat 6) e che devi usare SOLO switch di rete di buona qualità che lavorino in Gigabit, non inferiore, ciò che scrivi mi fa capire che non conosci come funziona la rete Dante…
    In breve…
    Quando tu connetti un oggetto su protocollo Dante, in realtà stai immettendo lo stesso all’interno di un network vero e proprio, in cui tramite il software Dante Controller (che avrai su un PC anch’esso collegato alla rete) vai a gestire i flussi audio con una vera e propria matrice.
    Nel tuo caso, nella matrice del software, vedrai la scheda Dante montata sul mixer (non il mixer…) ed il rack TIO, a quel punto dovrai prima scegliere chi è master e chi slave, poi indirizzare ingressi/uscite dell’uno sull’altro e viceversa.
    A questo punto la scheda sarà “collegata” con il rack tio.
    Quando installi la scheda Dante, ricordati di impostare questa come sorgente di clock del mixer, altrimenti non ti funziona.
    Sull’LS9 dovrai, tramite routing interno, inviare gli ingressi/uscite SLOT agli ingressi/uscite digitali del mixer, affinchè il segnale venga inviato e/o ricevuto dallo slot: così avrai connesso, a sua volta, la scheda con il mixer, quindi il TIO.
    Per quanto riguarda LS9, se non mi sbaglio dovrebbe essere in grado di gestire e memorizzare i parametri dei preamp remoti come se fossero interni, forse c’è una spunta da fare in qualche menù del gain o dello slot per abilitare il controllo remoto degli headamp ma non me lo ricordo…
    Comunque se anche il mixer non dovesse controllarti i parametri direttamente, tramite il software Dante puoi comunque controllarli da Computer, in quel caso il mixer comunque riceverà e/o invierà il segnale ma per gestire i pre dovrai operare con il computer.
    In ogni caso la connessione è possibile, è solo da verificare il discorso del controllo dei pre che però mi sembra sia possibile.
    Ciao.

    Diego.

    #69069

    radiofreccia64
    Partecipante

    LS9 e TIO 1608D non vanno d’accordo, provato pochi gg fa…

    #69075

    chiccone
    Partecipante

    credo di aver capito che l’unica soluzione di trasporto per LS9 via cavi ethersound sia Yamaha SB168-ES + MY16-ES64 che costa una cifra, paragonata con la stessa soluzione per la nuova serie TF che invece dialoga su DANTE

    E’ tutto

    Grazie

    #69092
    Diego Caratelli
    Diego Caratelli
    Moderatore

    Per “radiofreccia64”: non potranno andare molto d’accordo a livello di controllo digitale sui parametri del pre, ma se il sistema è connesso correttamente il segnale viaggia senza problemi.
    Al più, come avevo già scritto, dovrai usare il controllo dei pre tramite PC.
    Io l’ho fatto funzionare anche con gli 01V96, non credo che con LS9 possa essere tanto diverso…
    Comunque, visti i prezzi in giro, può essere da valutare anche un cambio di sistema.
    Le schede Dante costano molti soldi ed alla fine, per lo meno nei classici slot my di Yamaha, ti aggiungono “solo” una matrice di 16×16…

    Il ragionamento deve comprendere tanti parametri…
    Ciao

    #69136

    radiofreccia64
    Partecipante

    Per Diego Caratelli: Quello che chiedo da un banco che dovrebbe essere interfacciato con un trasporto digitale è ciò che in realtà dovrebbe fare il banco con le proprie uscite on-board, e cioè gestire il segnale, eq, phantom ecc…è vero che il segnale arriva e la rete “vede” il TIO 1608D, ma non è controllabile su quel tipo di trasporto, con il RIO 3224D invece è funzionante, ovviamente con due schede Dante MY16 montate sull’LS9, ciascuna necessaria per gestire 16 canali del RIO e dunque 2×16 per fare tutti e 32 i canali. Queste sono “notizie” ufficiali di un centro assistenza diretto Yamaha! Ciao!

    #69139
    Diego Caratelli
    Diego Caratelli
    Moderatore

    Come ho già cercato di far intendere, è tutta una questione di budget…
    Per un Rio 32 + due schede Dante non so se bastano 6000 euri… senza considerare che occorre anche due splitter in gibabit per mandare primario e secondario nelle due schede…
    Con quel prezzo ci prendi un GLD 112 completo di trasporti e quant’altro con 48 canali… oppure se vuoi spendere meno prendi un TF, un SiImpact, uno dei nuovi Presonus, ecc… ecc… comunque spendi meno ed hai macchine aggiornate.

    Se invece ti accontenti di lavorare un po’ più scomodo, con circa 2500/3000 euro arrivi al risultato e ti mantieni su piattaforma Yamaha (anche in questo caso da verificare la possibilità di controllo dei pre da PC).
    Sono scelte che solo chi ha aperto il post può fare.
    Per quanto mi riguarda preferisco mettergli davanti tutte le varie opzioni, poi lui deciderà cosa gli conviene fare.

    #69142
    Diego Caratelli
    Diego Caratelli
    Moderatore

    Ps.: le uniche cose che non controlli direttamente dal banco sono la phantom ed il gain, il resto è tutto nel banco, quindi eq, compressori, ecc… ecc… funzionano normalmente.
    Le uscite sono a livello standard di uscita, quindi di fatto in remoto non devi controllare proprio nulla.
    In questo caso il processing del segnale è interno al mixer, non come in altre macchine in cui, di fatto, la superficie è un “telecomando” dell’engine che può essere situato sul palco o altra posizione. Quindi il trasporto digitale non ti compromette nulla di eclatante…
    In soldoni, l’unica cosa per cui puoi avvertire il problema è se hai un gran bisogno di cambiare spesso i parametri del gain nel corso della serata…
    E comunque, con un po’ di astuzia, puoi usare anche il compensatore sull’eq per gestirti cambi di volume non troppo sfacciati, direttamente dal mixer…

Stai vedendo 8 articoli - dal 1 a 8 (di 8 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.

Vai alla barra degli strumenti