bonfadini manli

Compila il form per contattare


Risposte al Forum Create

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 29 totali)
  • Autore
    Articoli

  • bonfadini manli
    Partecipante

    Credo che il diametro (l’equivalente di un boccascena) sia 9*2=18 metri…
    Innanzitutto bisogna capire bene se la struttura è sufficientemente robusta per appendere pesi di una certa entità o devi aggiungere una struttura adeguata.
    La zona coperta dalla tensostruttura ospiterà solo la postazione dj o il solo pubblico o entrambi?
    Attendiamo nuove, Manlio.

    in risposta a: Sonorizzazione Teatro per Musical #70523

    bonfadini manli
    Partecipante

    Purtroppo spiegare da qui le varie faccende trigonometriche è piuttosto complicato; credo però che uno sguardo ad un qualsiasi libro di geometria o trigonometria aiuti: un qualsiasi triangolo rettangolo al cui vertice c’è il diffusore (anche all’altezza del diffusore stesso rispetto al pavimento)-il pavimento è la base del triangolo-l’altezza del triangolo è quella del diffusore.
    Comunque, l’obbiettivo da raggiungere per avere una omogeneità di pressione sonora sarebbe quello di mantenere entro 6 dB la differenza di pressione sonora in ogni punto dell’area di ascolto (6 dB è ritenuto universalmente quello accettabile per la sensibilità dell’orecchio umano).
    La perdita di SPL in ambiente poco reverberante o all’aperto è descritta (quasi del tutto) da: 20*log(distanza)+perdita angolare->log è il logaritmo in base 10–>la perdita angolare è indicata dalle caratteristiche polari del diffusore.
    Per la dispersione verticale dobbiamo immaginare di sovrapporre al diffusore la polare:l’angolo 0° (e 360°) è il riferimento in asse (puntato all’ascoltatore più lontano); gli angoli tra 0° e 180° è la linea immaginaria di dispersione SOPRA il diffusore; gli angoli tra 180° e 360° è la linea immaginaria di dispersione SOTTO il diffusore ed è quella che serve al nostro scopo.
    Esempio: il diffusore fornisce 130 dB SPL a 1metro, il punto più distante in asse è 30m:
    la perdita 20*log(30) è circa 30 dB quindi 130-30=100 dB SPL a 30m in asse (e non c’è perdita angolare).Supponendo che la prima fila sia 10 metri distante dal diffusore e 45° SOTTO la linea in asse potremmo avere: dalla polare vedo che a 45° (o meglio 360°-45°=315°) quel diffusore attenua 5 dB quindi:20*log(10)+5=25 dB di perdita; cioè 130-25=105 dB SPL a 10m fuori asse; 100 dB SPL in fondo alla sala – 105 dB SPL in prima fila va bene (è minore di 6 dB).
    Bisognerebbe calcolare per tutte le polari fornite dal costruttore (solitamente 125Hz-250Hz-500Hz-1KHz-2KHz-4KHz) e scoprire ad esempio che una disposizione che va bene per 500Hz non va bene per 2KHz (quello seduto in prima fila “sente” i medioalti che gli passano sopra la testa).Si può giocare sull’altezza del diffusore (in modo che cambino le distanze e gli angoli di radiazione e quindi i dB persi nella polare)ma purtroppo alcune volte non si possono raggiungere i risultati preposti se non cambiando il tipo di diffusore o aggiungendone in array.Saluti, Manlio.

    in risposta a: Gain amplificatore 32 o 38 db ? Perché #70520

    bonfadini manli
    Partecipante

    Se converti i dB in moltiplicazioni con 10^(dB/20) forse è più immediato:
    32dB diventa 10^(32/20) circa uguale a *40 significa che se in ingresso metto 1Volt in uscita ne ho 1*40=40V
    38dB diventa 10^(38/20) circa uguale a *80 significa che se in ingresso metto 1Volt in uscita ne ho 1*80=80V
    Nel caso specifico una differenza di 6dB (38-32) è 10^(6/20) circa = a 2 significa infatti che raddoppio (o dimezzo) la tensione in uscita.
    Saluti, Manlio.

    in risposta a: Sonorizzazione Teatro per Musical #70252

    bonfadini manli
    Partecipante

    Con l’aiuto di qualche formula trigonometrica puoi determinare con una buona approssimazione la copertura verticale: se hai a disposizione un metro laser (altrimenti dalla altezza e dalla profondità di misure da effettuare),calcoli le distanze tra il punto dove sarà posizionato il diffusore e il punto più distante (l’ultima fila di spettatori) e tra il diffusore e la prima fila (in pratica le ipotenuse di 2 triangoli).
    Considerando che il teatro sembra avere una reverberazione minima e che il limite di differenza di pressione acustica tollerato sia di 6 dB (ottimale), la copertura verticale necessaria è appunto l’angolo che racchiude le ipotenuse.
    Un calcolo inverso ti permette di conoscere (con il diffusore con apertura verticale di 50° il punto -6dB è la metà quindi 25°) fin dove arrivi a partire dal fondo della sala; il resto lo copri con i frontfills…hope it helps, Manlio.

    in risposta a: TRADUZIONE SIMULTANEA #67826

    bonfadini manli
    Partecipante

    potresti prendere in considerazione l’uso di trasmettitore (1) e cuffie con ricezione a infrarossi (tipo quelli da abbinare alla TV) facilmente collegabili all’uscita mixer con un adattatore minijack 3,5 mm. piuttosto che creare reti bluetooth.
    L’accortezza è verificare che non ci siano ostacoli fisici sulla linea di trasmissione.
    Saluti, Manlio.

    in risposta a: settaggio compressione per biamplificazione #66397

    bonfadini manli
    Partecipante

    …non ha riportato il link:
    http://www.powersoft-audio.com/it/forum/26/372

    in risposta a: settaggio compressione per biamplificazione #66394

    bonfadini manli
    Partecipante

    Devi considerare anche altri parametri dei diffusori: tenuta in potenza (e a quale standard di misura sono riferiti i dati) ad esempio, se ti serve un peak limiter o un RMS limiter (o entrambi).
    Qui c’è qualcosa di illuminante:

    Saluti.

    in risposta a: esperto Martin Audio W8 cercasi… #64752

    bonfadini manli
    Partecipante

    Presta attenzione al fatto che la serie Blackline era stata concepita per il mercato delle installazioni fisse: circolava (non so se sono state uniformate) una versione nella quale ogni altoparlante necessitava di un canale di amplificazione (i coni non erano parallelati).
    Controlla le impedenze che vedi sugli SpeakOn o apri la mascherina dei connettori, rischi di far funzionare solo un cono e a cassa chiusa è difficile accorgersene (thrue story).
    Bye.

    in risposta a: Phonic feedback silencer i7100 #63153

    bonfadini manli
    Partecipante

    scusa..ho letto dopo che cercavi le istruzioni in italiano..purtroppo la maggior parte della letteratura tecnica e manualistica è in inglese…

    in risposta a: Phonic feedback silencer i7100 #63147

    bonfadini manli
    Partecipante
    in risposta a: Phonic feedback silencer i7100 #63146

    bonfadini manli
    Partecipante

    ricerca Google:

    in risposta a: Registrazione Campane #62616

    bonfadini manli
    Partecipante

    E’ una competizione (e quindi l’apparato campanario o più di uno sono a terra e montati per l’occasione) o sul/i campanili?

    in risposta a: problema casse montarbo mt160 80 w!!! #61976

    bonfadini manli
    Partecipante

    se il segnale del microfono è amplificato fedelmente vuol dire che l’interfaccia tra il mixer e la cassa è giusta (e anche l’adattatore)..piuttosto credo sia l’interfaccia tra il pc e il mixer che ha dei problemi..sul mixer non c’è un tasto PFL per vedere quanto segnale entra?
    Usi una scheda audio esterna o il minijack dell’uscita cuffie (se si..a che volume?)
    PS: a che piano abiti?

    in risposta a: Domanda ai fonicic sul diagramma polare… #61576

    bonfadini manli
    Partecipante

    ti consiglierei di provare:
    http://europe.beyerdynamic.com/shop/tg-v50s.html

    per palchi con volumi elevati (e per non “pescare” dai monitors laterali):
    http://europe.beyerdynamic.com/shop/mp/microphones/vocals-and-instruments/stage-vocals/wired-microphones/tg-v71.html

    personalmente mi piace molto anche la timbrica e come ulteriore facilities sono dinamici (no phantom power required) e qualità prezzo ottimi.
    Manlio Bonfadini

    in risposta a: subwoofer cardioide #58806

    bonfadini manli
    Partecipante

    beh…no…ci sono alcuni vincoli:
    1) intorno ai 100Hz i subs non sono più perfettamente omnidirezionali
    2) per questioni pratiche e fisiche non possono essere molto distanti: a 20Hz dovrebbero essere distanti 4,3 metri con una differenza di oltre 12 dB SPL tra loro (e quindi non interagiscono più)
    Solitamente si usa intorno a 1 metro di distanza e relativo centro frequenza intorno a 80Hz.

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 29 totali)
Vai alla barra degli strumenti