Spacecannon: 72KW di potenza per Autostadt

La grande casa automobilistica Volkswagen aprì nel 2000 il complesso Autostadt (Car City) a Wolfsburg, moderna cattedrale all’automobile e polo di attrazione.

Il 28 e 29 maggio 2010, oltre 41.000 visitatori e circa 300 artisti internazionali provenienti da Olanda, Russia, Spagna, Australia, Stati Uniti, Francia e Italia, hanno affiancano la Germania e presentato più di 70 spettacoli per celebrare Autostadt in occasione del suo decimo anniversario, in un weekend memorabile di grandi festeggiamenti e manifestazioni, durati giorno e notte: teatro, commedia, cabaret, musica, acrobazie aeree, luci e fuochi d’artificio.
Il tema delle serate è stato "luce e fuoco": artisti, light-artists e designer hanno illuminato Autostadt in modo sorprendente: l’illuminazione notturna ha regalato una nuova percezione dell’area, avvolta in un’atmosfera insolita e colorata, in cui non era mai stata vista prima.
 


 

Il focus del programma è stato "Supernova": una gigantesca palla da discoteca, sospesa a 85 metri di altezza dal suolo da una gru, tra le due torri di vetro della Car City.
Il concept è dell’Architetto e Designer Max Wehberg ed è stato realizzato da Thomas Wlocka, Project Manager e Lighting Design del centro Autostadt, in collaborazione con Spacecannon: l’incredibile palla di 3 metri di diametro, composta da 750 specchi, sorretta da un cavo di circa 100 metri dalla gru, è stata illuminata dall’impareggiabile potenza del fascio luminoso del proiettore Ramses di Spacecannon.
Il fascio da 72.000 watt a luce bianca allo xeno, che puntava da terra la palla, è stato così frazionato e riflesso in altri infiniti fasci di luce dai singoli specchi, come in un’esplosione stellare, e propagato a raggiera in tutta l’area.

A conclusione e coronamento del vivace fine settimana i “fuochi d’artificio musicali”: un’emozionante coreografia tra i fuochi e i brani musicali, significativi nella storia di Autostadt.

info: www.spacecannon.it

info: www.autostadt.de

Vai alla barra degli strumenti