Il Flex Array al Warpdrive di St. Louis

L’impianto di diffusione Flex Array, recentemente acquisito da Spectra Audio, ha superato ogni aspettativa al celebre Winter Warpdrive, un evento unico nel suo genere dedicato alla musica elettronica, che si tiene ogni anno a St Louis, nello stato americano del Missouri, e riscuote meritati consensi sia da parte dei partecipanti che degli stessi promotori.

Il Winter Warpdrive è considerato, a giusta ragione, un fenomeno musicale del midwest dedicato al genere elettronico. Per la manifestazione, che dura una notte all’anno e che riunisce oltre un migliaio di partecipanti che si ritrovano per festeggiare la musica con divertimento alla massima potenza, vengono scritturati alcuni tra gli artisti e i musicisti moderni di maggior talento nell’ambito di una produzione che, a detta di molti, non ha eguali. L’attesissimo evento di quest’anno, tenutosi al Roberts Orpheum Theater di St. Louis, Missouri, ha rappresentato per Spectra Audio Systems una delle prime importanti occasioni per sfoggiare il nuovo acquisto: l’impianto amplificato Turbosound Flex Array.

Spectra Audio Systems è una società di produzione di eventi, con sede a St. Louis, specializzata in concerti di musica elettronica non convenzionali, costituita nel 1994 da due soci, Timothy Kresko e Casey Hunter, per fornire impianti audio ai gruppi musicali locali. Nel corso degli anni, si è ingrandita e ha lavorato senza sosta per offrire la migliore e più aggiornata tecnologia disponibile alla sempre più vasta clientela, tra cui Disney, ESPN per gli X Games, il movimento religioso World Changers Church, compagnie teatrali e artisti delle principali etichette discografiche.

Tim Kresko, uno dei soci, spiega le ragioni che hanno condotto l’azienda alla decisione di investire in un sistema Flex Array Turbosound: "Ad accendere il nostro interesse, all’inizio è stato il costo dell’impianto: ci sembrava molto ragionevole considerando la ‘nobiltà’ del marchio. Ovviamente il prezzo da solo non poteva essere il solo elemento a convincerci, ma a farlo sono state soprattutto le opinioni degli ingegneri e degli organizzatori di eventi invitati alla demo svoltasi al The Pageant, un locale di St. Louis che può ospitare fino a 2.500 spettatori. Tutti si sono detti entusiasti del Flex Array Turbosound".

La società organizzatrice del Winter Warpdrive, la PanOptic Productions, ha raggiunto un record di vendita di 1.700 biglietti per la scorsa edizione tenutasi nello storico Roberts Orpheum Theater, con le esibizioni di artisti del calibro di Eddie Halliwell, Bluetech e Mimosa e di acclamati artisti locali quali Ready, Andy B e Cypher, in un mix di dance tradizionale, downtempo e livetronica.
Josh Limpert e Arthur Basil Shaw, i tecnici audio che hanno installato l’intero impianto Turbosound per la prima volta, hanno configurato il Flex Array posizionando ai lati del palco nove top TFA-600HDP in sospensione e impilando a terra cinque Sub folded horn TSW-218DP con doppi 18” con un ulteriore Subwoofer per l’in-fill. Il controllo dell’impianto è stato assicurato tramite sistema BVNet da processori XTA.

Secondo Kresko, i 75° di dispersione orizzontale dei medio/alti hanno evitato un’eccessiva enfasi sui lati, migliorando la resa globale e contribuendo a mantenere un’immagine stereo chiara e ben definita: "L’impianto è riuscito veramente a domare questo spazio live piuttosto problematico".

L’eccellente qualità del suono è stata meritatamente apprezzata sia dal pubblico che dagli artisti; tra i partecipanti era, infatti, opinione comune che il Winter Warpdrive potesse competere addirittura con la più celebre Winter Music Conference di Miami. Nei precedenti eventi, i sistemi Turbosound di Spectra avevano meritato i complimenti di professionisti di primo piano quali Ritchie Hawtin, Above and Beyond, The Glitch Mob e Beats Antique. "Questi sono professionisti molto esigenti" – sottolinea Kresko – "Avere da loro questo tipo di riconoscimento nei confronti della nostra azienda e dei sistemi Turbosound ci rende ancora più soddisfatti della decisione di aver acquistato il Flex Array. Ho sentito per caso un membro dello staff di Above and Beyond parlare in termini entusiastici del suono, poi l’ho visto avvicinarsi all’impianto per leggere il logo: ‘Ah… Turbosound. Geniale!’".

"Abbiamo scelto il Flex Array principalmente per le sue caratteristiche di compattezza" – prosegue – È molto pratico, indipendentemente dalla configurazione, si accende e via. Le casse suonano in maniera fantastica e sono potentissime. Questo impianto Turbosound ha contribuito a migliorare la nostra posizione di riferimento sul mercato: i nostri attuali clienti sono tutti disposti a pagare di più per affittare queste attrezzature e, inoltre, ci ha consentito di aprire porte che in precedenza restavano chiuse".

Kresko ritiene che il Flex Array produca un suono più uniforme rispetto ad altri Line Array o impianti point-source usati in precedenza per il Winter Warpdrive. "Di solito, è necessaria circa un’ora per mettere a punto l’impianto in base al locale ma stavolta è stato automatico: non abbiamo dovuto toccare nessun equalizzatore. È stato fin troppo facile. Continuavo a pensare che un fattore chiave fosse la prestazione rigorosa dei driver da 10”. Questo impianto è molto musicale sui medio-bassi in confronto agli altri che abbiamo usato che impiegano driver da 15” per quella banda passante, eppure mostrava ancora abbastanza forza da non lasciare l’ascoltatore insoddisfatto, come succede a volte con gli altri cosiddetti Line Array di medie dimensioni. I driver da 10” si combinavano perfettamente con i sub. Sai di aver raggiunto il tuo obiettivo quando, ad occhi chiusi, non si sentono le bande di frequenza separatamente".

Organizzatore di festival, direttore di scena e audiofilo, Joe Grasso (che di solito preferisce un altro  marchio di PA americano) concorda con Kresko sul fatto che fosse necessario fare qualcosa per migliorare la qualità audio del Winter Warpdrive: "Durante l’ultima edizione, mi sforzavo di trovare qualcosa di cui lamentarmi, ma non ci sono proprio riuscito !"

info: www.proelgroup.com

info: www.turbosound.com/italy

Vai alla barra degli strumenti