Martin MAC Aura sorprende nel Tour dei Negrita

Jò Campana lavora con i Negrita dal 1998 e nel corso degli anni ha ricoperto i più svariati ruoli: lighting designer, lighting programmer and operator, set designer, e show concept designer. “Sono il classico one man band,” dice affabilmente.  

I Negrita hanno da poco suonato nelle sei maggiori venue indoor italiane durante il tour "Dannato Vivere", con un rig Martin MAC che ha visto la presenza delle nuove  MAC Aura, rivelatesi una ‘potente’ sorpresa.

“Dovevo appendere dei proiettori brillanti, leggeri, piccoli e veloci, ed ho pensato immediatamente agli Aura,” spiega Campana. “Li ho visionati durante una demo con Paolo Albani (Martin Italy) e quello che più mi ha colpito è stato il fascio potente e ‘top quality’ che sono in grado di produrre. Inoltre, ho apprezzato la shape del fascio; mi ricorda qualcosa tipo un effetto Super PAR64.”

Per il tour "Dannato Vivere", Campana usa 30 MAC Aura, 24 MAC 700 Wash, 24 MAC 700 Profile e 22 strobo Atomic 3000, tutte fornite dalla rental house Mister X.

Durante lo show di Milano, la band ha registrato un DVD e la produzione ha chiesto a Campana di rafforzare l’illumiinazione con 40 Aura extra sull’audience. “Li ho clonati sulla base dei 30 Aura che avevo sul palco, quindi sono riuscito a coinvolgere il pubblico utilizzando lo stesso pathos e il mood della scena. Le piccole hanno fatto il loro lavoro,” ha dichiarato.

Campana loda anche la leggerezza, le dimensioni contenute e l’incredibile velocità di Aura. “In aggiunta, sono rimasto davvero impressionato dalla qualità del colore, assolutamente eccellente sui primari; anche la possibilità di creare un ‘bianco puro vero’ è un grande passo avanti.

“MAC Aura è stato fondamentale in questo show, e se aggiungiamo il fatto che la crew non ha lamentato alcun problema tecnico, sono soddisfatto al 100%.”

Campana sarà impegnato con il prossimo tour dei Litfiba, dove utilizzerà nuovamente i proiettori MAC Aura, oltre a MAC 2000 Wash XB, MAC III Profilee e strobo Atomic 300.


[Photos:  Angelo Becci]

info: www.martin.com

Vai alla barra degli strumenti