Die Schlange a Berlino

Ovvero “Il serpente a Berlino”… ma niente paura, non stiamo parlando, come alle volte raccontano i giornali, di pitoni sfuggiti a incauti amanti di animali esotici di contrabbando, e ritrovati magari nei giardini delle città, ma di televisione e di suono. Avrete già capito che il protagonista è il “serpente” che da qualche mese popola il catalogo di K-array, il già mitico Anakonda presentato alla fiera ISE dello scorso gennaio.

berlino_1

L’Anakonda ha fatto la sua apparizione allo show televisivo Satire Gipfel, che in italiano si può tradurre più o meno come “il top della satira”: un format con già quattro anni di successi alle spalle e oggi condotto con maestria dal famoso cabarettista Dieter Nuhr, e con molti ospiti provenienti dallo stesso ambito artistico. Non a caso dunque lo studio è impostato con un palcoscenico e una platea, all’interno di un ambiente dal gusto “post industriale”, tra ferro battuto e mattoni a vista, ma non per questo l’attenzione al dettaglio degli operatori è stata minore. Infatti per le riprese televisive è indispensabile che lo studio sia impeccabilmente “pulito” nel senso ampio del termine, perché ovviamente l’occhio dello spettatore si poserà inesorabilmente sul solo elemento fuori posto… e quindi anche la presenza di diffusori audio deve essere più discreta possibile.

Semmler, dell’emittente di stato RBB (Rundfunk Berlin-Brandenburg) produttrice di Satire Gipfel, nel suo ultimo viaggio a Francoforte per il PL+S ha finalmente trovato la soluzione tecnica per il front fill, per la quale da un po’ di tempo era alla ricerca. Allo stand di K-array Semmler ha infatti incontrato Tom Mikus, Managing Director di Trius, il distributore in Germania del marchio italiano: parlando del caso di Satire Gipfel insieme hanno convenuto che l’Anakonda sarebbe potuta essere la soluzione. In un battibaleno l’idea è stata messa in pratica e, già nella puntata del 6 maggio scorso, un modulo composto da due Anakonda (opportunamente “vestiti” con un “calzino” bianco, come ci ha raccontato Tom, e amplificati con KA-10) è stato installato dietro allo schienale delle prime cinque file di sedute. La soluzione giusta per ottenere dei front fill efficienti, efficaci e completamente invisibili alle telecamere.

berlino_2

Semplice e geniale, tanto più che l’installazione è stata ultimata in sole due ore, e senza il minimo intoppo: “E’ stata davvero un’installazione ‘plug&play’– ha detto Tom – che ha funzionato alla perfezione dal punto di vista del suono, e velocissima da smontare dopo la trasmissione. Inoltre il pubblico non ha identificato gli oggetti dietro alle sedie come diffusori audio, e ha potuto vivere lo spazio con libertà.” Con buona probabilità la produzione vorrà mantenere questa soluzione anche nelle prossime trasmissioni: “In questo caso studieremo una modalità per rendere l’installazione stabile, anche dal punto di vista dell’estetica e del passaggio dei cavi. Vorrei infine ringraziare Semmler e il team tecnico della RBB per averci permesso di entrare nel settore broadcast con una soluzione che, penso, rimarrà a lungo nella memoria” ha concluso Tom.

info: www.trius-audio.de
info: www.k-array.com
info: www.exhibo.it

Leggi altre notizie con:
Vai alla barra degli strumenti