ETC Eos Ti avvia una nuova tendenza nel West End

Un nuovo strumento sta guadagnando popolarità dietro le quinte del West End. La console ETC Eos Titanium (Ti) è stata presa in considerazione come regia luci su un numero sempre più crescente di spettacoli a Londra, grazie alla potenza e alla flessibilità che il banco offre. Due professionisti – Vicky Brennan e Andi Davis – condividono la loro esperienza con Ti e sottolineano il suo grado di affidabilità anche per i grandi eventi.

Vicky Brennan ha recentemente programmato l’illuminazione per Stephen Ward: The Musical al Teatro Aldwych su una console Ti. Lo show era incredibilmente complicato e richiedeva particolari personalizzazioni per gli apparecchi di illuminazione. Il team di illuminazione doveva escogitare un piano per numerare l’impianto in modo da essere facilmente comprensibile per il lighting designer, il programmatore, gli elettricisti e la produzione. La funzione Magic Sheets di Ti è stata la soluzione. “Essere in grado di fare a meno di un grande e ingombrante progetto su carta e senza il bisogno di avere un computer portatile nelle vicinanze con il piano aperto su di esso, significa che ho ottenuto le informazioni letteralmente a portata di mano”, dice Brennan. “gli schermi multi-touch di Ti mi permetteva di aprire il progetto per concentrarmi sulle aree utili e per verificare le informazioni sul canale in questione.”

rsz_etc-eos-ti

La scenografia comprendeva diversi tendaggi utilizzati per tutto lo spettacolo, spesso come un muro e altre volte come una finestra. Lo spostamento delle tende lungo le piste per diverse scene, doveva essere seguito con i par, con una formula complessa di tempi, velocità e direzione. “Ancora una volta, il Magic Sheet è diventato uno strumento utile, visto che siamo riusciti a tenere traccia delle modifiche alle luci in tempo reale senza la necessità di andate costantemente a buio”, spiega Brennan.

Magic Sheet ha anche semplificato il passaggio dello show della squadra di Brennan alla crew di Aldwych. Mentre Stephen Ward era al West End, è stata utilizzata una console ETC Eos® con un backup su Ion®, e la squadra addetta all’illuminazione è stata in grado di utilizzare Magic Sheets per la risoluzione dei problemi, senza dover fare affidamento su un piano in carta come avrebbero dovuto fare in passato.

rsz_eos_tiCome Brennan, Davis ha anche acquisito una notevole esperienza su Ti sin dalla sua introduzione nel 2013. Alcuni degli spettacoli che ha progettato con questa console sono Dirty Rotten Scoundrels, The Pajama Game, The Ladykillers, Dirty Dancing e Wooster. “Sto usando Ti su quasi tutto quello che ho disegnato nel corso dell’ultimo anno,” dice. “La grande differenza con Ti è che in ogni fase si ottiene di più di tutto – maggiore potenza di elaborazione, tasti definibili per più utenti, più capacità produttiva, in particolare, più schermo con i due enormi touchscreen ad alta risoluzione”.

Nella maggior parte degli spettacoli in Davis lavora includono enormi impianti misti che richiedono un sacco di modifiche nel corso del periodo di produzione. Per questo Ti risulta molto utile. “Ti è estremamente piacevole da usare, perché ha così tanto spazio disponibile sullo schermo”, spiega Davis. “Rende la gestione di grandi impianti – con l’inevitabile gran numero di preset e palette – incredibilmente facile.”

La capacità di TI di controllare simili progetti complessi si è rivelato indispensabile per Dirty Rotten Scoundrels. Lo Scenografo e costumista Peter McKintosh ha progettato un fondale stampato che era illuminato da dietro da un muro di pannelli LED. Davis è stato in grado di utilizzare la funzione Virtual Server di Ti, per ideare colori e contenuti per il muro. Eos Ti è ideale per questo tipo di approccio, con i grandi schermi ad alta risoluzione, la programmazione dei pixel è un piacere”, dice Davis.

“Le console Eos sono sempre più la scelta giusta per spettacoli teatrali su larga scala”, conclude Davis,“perché offrono la potenza necessaria per eseguire opere complesse. Il marchio ETC e Eos console godono di una reputazione di stabilità, supporto e servizio al cliente. Il team di illuminazione ha bisogno di sentirsi in mani sicure. Credo che progettisti, programmatori ed elettricisti di produzione sempre più ritengono che i sistemi Eos offrano una grande garanzia”.

info: www.etcconnect.com

Leggi altre notizie con:
Vai alla barra degli strumenti