L-Acoustics per la decima edizione di Tomorrowland

Tomorrowland è senza dubbio uno dei più importanti festival dance al mondo, che per il suo decimo compleanno ha attirato più di 400.000 nei due week-end nella città di Boom in Belgio. Gli headliners di quest’anno erano David Guetta, Steve Aoki, Armin van Buuren e Aviici. Il successo e l’influenza di Tomorrowland si sta estendendo in tutto il mondo, con nuove edizioni in Brasile e negli Stati Uniti.

Per un festival di questa portata, il buon suono è chiaramente una priorità assoluta seguita negli ultimi quattro anni dalle aziende NoizBoyz e Phlippo Productions. L’amplificazione è complicata come il sito di Tomorrowland e comprende più situazioni che non sono nelle immediate vicinanze, ma che avvengono simultaneamente. L’omogeneità del suono da un sito all’altro è un fattore chiave, ma le autorità locali impongono anche restrizioni sui livelli di rumore. NoizBoyz ha scelto più sistemi L-Acoustics K per offrire un suono di qualità eliminando lo spill-over, il tutto rimanendo entro i limiti acustici imposti.

Tomorrowland_1lowres

Il team tecnico di Noizboyz ha spiegato: “Il problema sta sempre in quelle zone centrali in cui è necessario il miglior suono possibile. In questi casi l’isolamento è fondamentale e sappiamo di poter contare sul K2 e il sub in configurazione cardioide. Il K2 ha un controllo della direttività eccezionale, sia orizzontalmente che verticalmente. Infatti, il controllo è così buono, si può quasi fermare dove volete, così l’audio non si sentiva dove non volevamo”.

E poiché la legge belga impone severi limiti sonori per eventi live all’aperto, una pianificazione meticolosa serve a garantire una buona misurazione, in quanto i rilievi sono stati presi da consulenti indipendenti nelle zone circostanti al festival e al FOH per ogni fase. NoizBoyz ha fatto affidamento su L-Acoustics Soundvision per modellare la distribuzione sonora del festival in 3D e simulare la soluzione acustica perfetta con una mappatura in tempo reale sia per quanto riguarda la copertura che per il delay.

“Lavorare con Soundvision è ‘what you see is what you get’ e la differenza tra la nostra previsione e le nostre misurazioni in tempo reale era assolutamente zero,” afferma con entusiasmo Noizboyz. “Il palco principale si affaccia su una collina ripida, e Tomorrowland è conosciuta per il suo decoro elaborato. Non molti programmi di progettazione di sistema sono in grado di generare una così corretta gestione di quei tipi di ostacoli che sono così cruciali per un buon sound design e il fatto che Soundvision gestisce quel tipo di mappatura con facilità assicura che abbiamo un risultato ottimale per gli array.”

Tomorrowland_2lowres

Dal palco principale, che si trova in fondo a una valle, i produttori del festival hanno voluto evitare di rovinare la visuale con torri delay. NoizBoyz ha realizzato, dunque, ben 160 metri di copertura utilizzando due stack composti da 14 K1 rinforzati da quattro K1-SB. Due ulteriori blocchi di 16 K1 con quattro K1SB sono stati schierati per riempire i lati, KARA è stato utilizzato come fill, mentre il rinforzo di fascia bassa è stato realizzato con 40 sub SB28. Il secondo palco è stato allestito con due array da 12 K1, accompagnati da quattro sistemi KARA per i riempimenti, più 30 subs SB28. Poiché ciascuna delle otto date era caratterizzata da un diverso stile di musica dance, NoizBoyz ha fornito sistemi che suonavano il più naturale possibile, al fine di rappresentare al meglio i vari stili dei DJ.

Noizboyz ha dichiarato. “Per ‘Candy Arena’ che è una zona techno, abbiamo usato il K2, in quanto riteniamo che la sua fascia bassa è davvero stretta. K2 ci dà un controllo orizzontale eccezionale che ci permette di ridurre i riflessi dai lati delle tende, così lo abbiamo usato in tutte le aree interne.” Candy Arena vantava un sistema composto da 18 K2, 4 KARA e 20 sub SB28.

tomorowland_pa

Una fase particolarmente difficile è stata la location costruita su una piattaforma galleggiante nota, giustamente, come ‘The Garden of Madness’, dove il peso doveva essere ridotto al minimo. “K2 non è solo leggero, ovviamente era un vantaggio qui, ma ha una direttività orizzontale facile da controllare, e il fatto che esso offre un angolo inter-box massimo di 10 gradi ha permesso di coprire un’area più grande con una matrice più piccola”, aggiunge Dom. Qui il sistema leggero con la prestazione dei pesi massimi era formato da 20 K2 con 6 KARA e 20 sub SB28.

Phlippo Production è stato chiamato per fornire un suono di qualità per produzioni elaborate come Tomorrowland. Dato che i sistemi L-Acoustics sono utilizzati in sei dei primi dieci festival all’aperto del mondo, il Product Manager Jonas Gyssens è fermamente convinto della qualità del brand: “La qualità del suono accoppiata con un’ottima ergonomia e la flessibilità del sistema L-Acoustics K rende molto facile il lavoro. Il K2 con la sua apertura a 10 gradi e la fascia bassa estesa del K1-SB ci da un sacco di opzioni. K2 combina un suono aperto e chiaro con un sacco di potenza e il fatto che è così leggero e facile da attrezzare, significa che è multifunzionale. E più multifunzionale un altoparlante è, più si adatta alle esigenze delle nostre produzioni. “

info: www.sisme.com

Vai alla barra degli strumenti