TreTi realizza i nuovi servizi del Brancaccio

Il Teatro Brancaccio di Roma è senz’altro uno dei teatri più noti in Italia, dotato di un foyer allestito con tralicci, sipario, schermo ed altre attrezzature in modo che anche durante uno spettacolo nella sala principale, si possano effettuare eventi con un pubblico fino a 200 persone nel foyer.

L’ambiziosa direzione, consapevole delle difficoltà tecniche e dei costi dell’energia elettrica nel realizzare tutto questo, ha chiesto alla direzione tecnica di diminuire i consumi elettrici con l’utilizzo di una tecnologia adeguata e che platea e galleria rispondessero ad alcune nuove esigenze artistiche.

Brancaccio 014

Le luci di sala e galleria all’interno del Brancaccio sono realizzate con lampade LED RGBW regolabili del sistema architetturale della ETC. In questo modo platea e galleria diventano spesso parte integrata dello spettacolo anche attraverso un sezionamento con un sistema dimmer in un vano in prossimità del Foyer e uno nel sottopalco sempre con un patch di comando. A mezza sala in una intercapedine è ubicato il quadro centrale di smistamento di tutti i segnali DMX della platea e della galleria.
In varie postazioni sono stati installati tastierini di comando e touch screen, compreso un blindino a chiave per l’accensione delle luci di servizio dedicate agli addetti alle pulizie.

Brancaccio 005

L’installazione comprende alcuni Dimmer Unison Paradigm contenuti in appositi rack con processore architetturale. I moduli dimmer sono suddivisi in dimmabili ed on/off e consentono la regolazione di trasformatori elettronici e LED DRIVER dimmabili attraverso il controllo tipo Reverse EELV, di DRIVER LED analogici dimmabili, attraverso il controllo del moduli on/off con l’aggiunta di una scheda analogica 0-10V installata all’interno del dimmer Unison.
Il sistema di controllo è equipaggiato da un sistema ridondante che, mediante l’utilizzo DMX e sACN, permette un Backup real time, attivando contemporaneamente entrambi i protocolli.

Info: www.tretispa.com

Leggi altre notizie con:
Vai alla barra degli strumenti