Radial: Headlight-Pro, l’evoluzione della DI

La nuova Headlight-Pro di Radial Engineering è realizzata per essere una DI Box che funzioni bene con qualsiasi strumento, un’evoluzione che inizia con un input jack da 1/4″ per chitarra acustica, mandolino, violino, basso o quello che volete e, attraverso il multi-switch consente di indirizzare il segnale a quattro destinazioni diverse, permettendo a ciascuno strumento di avere il suo canale dedicato nel PA.

Radial - Headlight-Pro - b

Può sembrare complicato ma spiegato è molto semplice e intelligente. Con un solo input possiamo connettere via via tutti gli strumenti che vogliamo, senza difficili switcher o router o quattro percorsi DI indipendenti. Vogliamo suonare diverse acustiche, o fare un pezzo con l’ukulele o il banjo? Si preme Mute e si sconnette lo strumento, si connette l’altro strumento, si seleziona l’uscita preposta per quello, quindi si ripreme Mute e si può suonare, avendo per ogni strumento un canale nel mixer settato giustamente per quello. Senza che il fonico e monitor engineer debbano intervenire minimamente a mutare tutti i canali interessati per evitare disastri.

Radial_Headlight-Pro_TONEBONE2_FEAT

Le quattro uscite sono ovviamente bilanciate, ciascuna equipaggiata con ground lift e inversione di polarità. C’è anche un’uscita dedicata all’accordatore che consente, anche qui molto intelligentemente, di condividere lo stesso accordatore su tutti gli strumenti senza fare nessun cambiamento dopo il setup.

Uno di quegli aggeggi che vi faranno amare dai fonici durante le serate se suonate più strumenti che richiedono DI.

Info: www.radialeng.com

Info: www.ekomusicgroup.com

Vai alla barra degli strumenti