Wa-251: Warm Audio ripropone il noto microfono vintage

Warm Audio presenta il nuovo WA-251 un microfono disponibile ad un prezzo abbordabile che ripropone un design classico ad una nuova generazione di recording engineer.

Warm Audio ha eseguito una analisi approfondita sul classico 251 per determinare gli elementi che lo hanno reso famoso tra i professionisti e capire in che modo i vari tipi di componenti hanno influenzato il suono. Il risultato è un modello in grado di rendere omaggio al microfono vintage. Si tratta di un microfono valvolare, a diaframma largo, con trasformatore e multi-pattern basato sul classico ‘251.

Il WA-251 ha un suono ottimale su voci, chitarre acustiche ed elettriche, bassi, batterie, pianoforti, archi, fiati e anche su mix di altre sorgenti ed è stato progettato per essere applicato in studi professionali, casalinghi, in contesti live e broadcast. Il classico ‘251 è diventato estremamente popolare nel 1960 e, ad oggi, è considerato come uno dei più importanti microfoni a condensatore mai creati. Il ‘251 originale è ancora largamente usato negli studi di registrazione professionali ma è diventato estremamente raro, difficile da reperire e costoso. Progettare il WA-251 per farlo suonare come l’unità originale non è stata una missione semplice, soprattutto perché alcuni dei suoi componenti vintage non vengono più fabbricati.

Il WA-251 utilizza una riproduzione custom della capsula stile CK12, progettata con hole pattern e risposta in frequenza simili a quella presente nel microfono originale. La versione Warm Audio di questa capsula (WA-12-B-60v) è stata fabbricata con attenzione da un fornitore australiano di capsule ed è stata precisamente riprodotta con le sue specifiche vintage. Dopo aver testato tre differenti marchi di valvole, per il WA-251 è stata utilizzata una Slovak Republic JJ 12AY7. La risposta in frequenza della valvola JJ, e il modo in cui caratterizza il circuito, suona naturale e vintage. Il WA-251 utilizza un trasformatore CineMag USA. Questo trasformatore aiuta ad ottenere quello che si spera di ottenere da un microfono stile ‘251, ovvero frequenze medio-alte presenti e basse frequenze “larghe”.

info: www.midiware.com

Leggi altre notizie con:
Vai alla barra degli strumenti