Piazza dei Signori a Vicenza si racconta grazie a Laser Entertainment

Su richiesta del settore Musei Civici del Comune di Vicenza, Laser Entertainment ha realizzato di recente uno spettacolo multimediale di grande effetto, in grado di sottolineare le architetture e raccontare la storia dei due più emblematici monumenti di Piazza dei Signori a Vicenza: la Basilica Palladiana e il Monte di Pietà.
Il Comune di Vicenza nel corso del 2018 ha indetto una gara d’appalto al fine di allestire la piazza con una installazione multimediale che ne valorizzasse l’architettura e raccontasse la storia dalle origini fino ai giorni nostri.

Dopo un’attenta selezione, la gara, che prevedeva all’inizio dodici partecipanti, è stata vinta dall’azienda Laser Entertainment di Milano, scelta per la qualità del servizio proposto e per il prezzo vantaggioso.

“Abbiamo portato in commissione un progetto su carta, ma soprattutto uno show-reel video di circa due minuti confezionato con la simulazione che rappresentava in maniera verosimile quello che saremmo andati a realizzare nella Piazza, ovvero una divulgazione del capolavoro palladiano, la sua storia, e le specifiche soluzioni costruttive ideate dal grande architetto, unitamente ad una serie di importanti lavori simili presi ad esempio e realizzati nei molti anni di attività” esordisce Alberto Kellner di Laser Entertainment.

L’azienda milanese si è occupata sia della parte creativa – avvalendosi del collaudato team interno e coordinando i collaboratori esterni – sia dell’installazione tecnica che è rimasta sul sito per oltre due mesi, garantendo ben quattro spettacoli serali dal giovedì fino alla domenica per un totale di oltre 120 spettacoli.

“Abbiamo dovuto trattare questo lavoro come se fosse a tutti gli effetti un’installazione fissa, usando tutti i criteri di affidabilità e resistenza tipici di un lavoro outdoor” continua Alberto. I contributi video, curati nella progettazione da Roberto dal Bosco e nella regia da Francesca Pavoni, e con la voce narrante di Maurizio Modica, venivano proiettati grazie a quattro macchine Christie Boxer 3DLP 4K30 in 4K nativi e 30.000 ansi lumen di potenza, acquistati per l’occasione e pilotati da un media server TouchDesigner con la possibilità di controllare tutto da remoto. I tre proiettori in esterna sono stati protetti da dei gusci V-Rain prodotti dall’azienda Proietta opportunamente modificati al fine di gestire meglio la dissipazione delle temperature mentre il terzo era posizionato all’interno, presso l’Ufficio del Comune.

“Tutti gli show sono stati controllati e lanciati in remoto direttamente dalla sede di Milano, grazie ad un efficace e stabile interfacciamento della macchine via rete, dandoci così la possibilità di monitorare e controllare il corretto funzionamento degli show e dell’hardware. Delle telecamere di servizio poste in punti strategici nella venue permettevano di guardare comodamente dal nostro ufficio quello che stava accadendo dal vivo. Nonostante questo, sempre a disposizione e pronto ad un intervento tempestivo, avevamo previsto un nostro referente tecnico su Vicenza anche se in oltre 120 spettacoli non abbiamo mai avuto un problema” aggiunge Alberto Kellner.

Un altro aspetto che ha richiesto un’attenzione particolare è in relazione ai cablaggi utilizzati che, essendo tutto il sistema in 4K reali, ha implicato la scelta di materiali e soluzioni in grado di supportare tale risoluzione assicurando allo stesso tempo uno smistamento dei flussi sempre affidabile e costante nel tempo anche e soprattutto in relazione alle distanze non trascurabili della piazza. La scelta è quindi ricaduta su prodotti della Lightware con connessioni in fibra ottica che il team di Laser Entertainment aveva già testato ed utilizzato con successo in passato.

Protagonista dell’installazione insieme alle immagini è stato certamente il sonoro, garantito nella diffusione da sistemi dal basso impatto visivo dell’azienda toscana K-Array il cui segnale veniva veicolato da una parte all’altra della piazza tramite connessione wireless.

“Siamo molto soddisfatti del risultato ottenuto, una soddisfazione che ci ha espresso chiaramente anche la commissione che in fase di scelta ha preferito la nostra proposta alle altre pervenute. Un risultato del genere lo si ottiene con una puntuale pianificazione e una attenta scelta dei materiali, senza trascurare le innegabile esperienza che Laser Entertainment ha acquisito sul campo nel corso degli anni” conclude Alberto Kellner.

 

Vai alla barra degli strumenti