Due nuove console EOS Ti e fixture ETC scelte per il Maggio Musicale Fiorentino

Il Maggio Musicale Fiorentino è una prestigiosa manifestazione artistica la cui Fondazione ha sede nel Teatro Del Maggio, una struttura polifunzionale inaugurata nel 2011 e oggetto di un importante ammodernamento tecnologico che comprende due console EOS Ti di ETC e 48 nuovi ColourSource Spot LED.

Il Maggio Musicale Fiorentino nasce come manifestazione a Firenze nel 1933 per volere di due mecenati dell’epoca, Luigi Ridolfi Vay da Verrazzano e del maestro Vittorio Gui. La serie di eventi si svolge tipicamente tra fine aprile e fine luglio e dal 1985 vede alla direzione uno dei nomi più conosciuti e prestigiosi al mondo, il M° Zubin Mehta.
Nel 2011 è stato inaugurato In piazza Vittorio Gui in Firenze una struttura polifunzionale culturale che ospita una sala destinata al teatro lirico per 1890 posti e una cavea all’aperto per 2000 posti, mentre è ancora in corso di completamento un auditorium per concerti da circa 1200 posti.

Recentemente è stato necessario un ammodernamento del parco macchine e per le console di controllo delle luci la scelta è ricaduta su due EOS Ti di ETC, scelti per la loro semplicità di utilizzo e per l’efficacia nella programmazione.

“Qualche mese si fa si è reso necessario un cambiamento per quel che riguardava le vecchie console in dotazione al teatro e, tra le diverse opzioni che offriva il mercato, la scelta è ricaduta sulle EOS Ti di ETC che si sono rivelate perfette per le nostre esigenze” afferma Marco Faustini, consollista per il teatro del Maggio. “Oltre ad essere macchine estremamente complete e intuitive siamo rimasti positivamente colpiti dalla grande semplicità nella programmazione e dalla potente gestione del colore” aggiunge Marco.

Le due console, una master e una di backup, gestiscono un elevato numero di sorgenti luminose convenzionali – con tecnologia ad incandescenza e a LED – e molte fixture motorizzate, per un totale di 8 universi DMX. Il segnale in uscita dalle EOS Ti è affidato al protocollo ArtNet per poi essere convertito, tramite 3 device sparse per il teatro, in segnale DMX verso le varie fixture.

In ottica di rinnovamento, oltre alle console EOS di ETC, sono arrivati anche 48 ColorSource Spot LED sempre dell’azienda americana che si sono fatti largo fin da subito nel parco macchine del teatro, affiancando e talvolta sostituendo i gloriosi ETC Source Four ad incandescenza con lampade da 750 W. “Anche se i prodotti a LED ormai offrono garanzie in termini assoluti, aspettavamo la prova sul campo di questi nuovi ColorSource Spot a LED, anche e soprattutto mettendoli a confronto con il ben conosciuto modello ad Source Four” afferma Marco Faustini.
“Il nuovo proiettore a LED offre una potenza notevole e grazie alla particolarità di implementare un LED “lime” riesce a colmare quella tipica lacuna di “vuoto” in alcune gradazione di colore tipiche di alcuni fari a LED. Peraltro si abbinano perfettamente alla console e la loro gestione è semplice e totale” continua Marco. “Siamo molto soddisfatti dei recenti acquisti ed il team di ETC in Italia ci ha supportato al meglio nella fase iniziale, è bastato un training di soli tre giorni per prepare il personale ed essere pronti ed operativi!” conclude Marco Faustini.

Anche il Capo Reparto Elettricisti Direzione Allestimento Scenico Gianni Pagliai ha parlato della sua esperienza con i prodotti ETC, un concetto che è perfettamente riassunto in queste sue parole: “dal teatro mi è stato chiesto di monitorare costantemente con attenzione l’evoluzione delle nuove tecnologie inerenti al nostro settore e pertanto ho visionato nelle fiere e nelle aziende diversi prodotti e la scelta è ricaduta su ETC sia per le console luci sia per i sagomatori a LED. Sono state acquistate due console di controllo luci EOS Ti di quarantotto ColourSource Spot LED, prodotti considerati ormai uno standard nel mondo “teatrale”. I sagomatori, che in teatro sono spesso adoperati senza parsimonia, vengono venduti con 10 anni di garanzia sui LED e 5 sul proiettore, un altro plus non da poco…”.

Info: www.etcconnect.com

Vai alla barra degli strumenti