Replay 1-8 Giugno

Un periodo intenso e ricco di novità quello appena trascorso, dove spicca l’imponente scena tecnologica protagonista del recente Eurovision Song Contest.

Cominciamo con in contenuti editoriali e i quattro articoli che riguardano il MIR di Rimini, che ha saputo mettere in campo una ricca offerta trasversale che è passata da un’area espositiva curata ed efficace, l’esperienza unica dei palchi del Live You Play ed un’intensa attività di formazione dedicata specificatamente al mondo tecnico. L’ultima edizione di Music Inside Rimini è apparsa infatti una manifestazione matura, completa e, per certi versi, correttamente “calibrata” a quello che è ad oggi mercato italiano, certamente più eterogeneo ed “integrato” rispetto al passato. L’edizione 2020 si terrà sempre a Rimini dall’8 al 10 marzo 2020, dopo ISE e soprattutto prima della fiera di Francoforte.
MIR 2019 – Giornate piene!
MIR 2019 – La formazione
MIR 2019 – Audio
MIR 2019 – Luci e Video

Torno a seguire come inviato una finale di Eurovision Song Contest per la seconda volta dopo l’esperienza di Stoccolma del 2016, e a distanza di pochi giorni dal rientro in patria sono ancora stupito del fatto che pur lavorando e scrivendo da anni per il settore entertainment con centinaia di eventi alle spalle sia come spettatore, sia come professionista, ci sono ancora eventi che riescono ad emozionarmi come fosse una prima volta. E mi calo nei panni di chi effettivamente per la prima volta assiste ad uno spettacolo del genere, in cui la più avanzata tecnologia è al servizio della creatività come dovrebbe essere: senza compromessi e con tantissima passione. E così a distanza di qualche anno, grazie alla possibilità offerta da Osram di assistere dal vivo alla finale del festival con tanto di tour del backstage e della città di Tel Aviv, ho ritrovato una edizione di ESC con un livello qualitativo delle canzoni notevolmente migliorato, una organizzazione impeccabile, un team creativo e tecnico giovane e, sorpresa delle sorprese, ricca di talenti provenienti dall’Italia: dalle aziende Claypaky e DTS, presenti con circa 800 fixture totali, ad Agorà che ha gestito il sistema di amplificazione all’interno dell’Expò, fino al conosciutissimo Angelo Di Nella, riferimento MA Lighting del 90% degli utenti italiani, che gestiva la MA2 full size principale. Un ruolo delicato e di altissima responsabilità. Link.

Eurovision Song Contest 2019 è stato capace di regalare emozioni a non finire, grazie ad una scenografia impressionante e un lighting plot in cui erano presenti il meglio delle tecnologie esistenti sul mercato. Il progetto di illuminazione per l’edizione 2019 è stato affidato a Ronen Najar e Dakar Azulay, due Lighting Designer israeliani che hanno saputo combinare le rispettive competenze negli ambiti live, musical e televisivo, scegliendo l’affidabilità e le prestazioni dei prodotti Claypaky. Le 406 fixture Claypaky (66 Axcor 600, 152 Sharpy Wash, 116 Sharpy Plus e 72 Unico) erano ben presenti durante lo show: in particolare risalto gli Sharpy Plus che davano vita a straordinari effetti spot-beam in combinazione con i triangoli luminosi che coprivano l’intero tetto della location. News Link.

DTS era presente a ESC 2019 con 376 barre LED KATANA e la sua nota lama di luce in evidenza nel main stage e altri 48 SYNERGY 5 PROFILE installati nella ‘Greenroom’ destinata ad accogliere le varie delegazioni e le varie star prima e dopo l’esibizione.
Ronen Najar, Lighting Designer dell’ Eurovision Song Contest, ha voluto le KATANA ai lati del palcoscenico e sopra il pubblico per dare continuità all’iconico motivo triangolare del soffitto, centrale anche nelle riprese televisive.
I SYNERGY invece sono stati installati nella ‘Green Room’ e hanno permesso di ricreare lo stesso feeling del palcoscenico. News Link

All’interno del padiglione 2 di Expo Tel Aviv in Israele sono state specificate anche 300 teste mobili Robe – un mix di BMFL WashBeams, BMFL Spots e MegaPointe. I 116 BMFL WashBeams sono stati installati sul tetto e sono stati utilizzati come key-light. Per l’illuminazione del pubblico sono stati utilizzati 87 BMFL Spot, essenziali per assicurare ai registi televisivi Amir Ukrainitz e Sivan Magazonik una illuminazione costante sulla platea da aggiungere alla diretta televisiva.  I 78 Robe MegaPointe sono stati distribuiti tra le truss sospese sopra il pubblico e sul palco, e sono stati impiegati per dare origine ad effetti spettacolari durante le esibizioni. L’intero rig luci era controllato da un sistema grandMA con Angelo De Nella che gestiva il palco, Joshua Cutts di Visual Frontier per l’illuminazione del pubblico, Dakar per le key-lights in collaborazione con Ivan Eftimov e Moti Aroshas per l’illuminazione della green room. News Link.

MA Lighting è stata ancora una volta la soluzione per il controllo luci scelta per l’Eurovision Song Contest 2019. Le serate finali sono state gestite da 15 console grandMA2 che controllavano 71.061 parametri delle oltre 2.500 fixture presenti tra main stage e la Green Room che ospitava le varie delegazioni. Tre grandMA2 full-size più una di backup sono state utilizzate come main show desk, mentre 11 grandMA2 light (sei attive e cinque di backup), sono state utilizzate per la programmazione dei vari settori e facevano parte del network MA formato da 20 NPU, 25 8Port node e due nodi a 8 porte Swisson. Il tutto collegato a 10 UPS. Infine uUna MA onPC command wing, installata nel backstage, è stata utilizzata per testare le varie fixture e per la gestione delle integrazioni richieste dai vari artisti. L’infrastruttura di rete ethernet completamente ridondante comprendeva 22 switch Luminex 16xt e 12r, tutti monitorati dal software PRTG. News Link.

Cameo Lighting introduce sul mercato tre importanti novità dedicate al settore dell’entertainment e architetturale: la nuova testa mobile EVOS S3, e i proiettori PAR professionali Zenit Z120 G2 e Zenit Z180 G2. Cameo EVOS® S3 è una testa mobile spot dotata di sorgente LED bianco freddo da 350 W e ottiche appositamente progettate per una distribuzione uniforme della luce. Offre un potente flusso luminoso pari a 12.000 lm, un rapido movimento pan di 540° e tilt di 270° e produce colori brillanti e vivaci grazie al mix cromatico CMY e alla correzione lineare CTO. ZENIT® Z 120 G2 è una evoluzione della precedente serie, con display OLED e una speciale staffa di montaggio in attesa di brevetto in cui è integrato un bullone Super Clamp. Grazie alla longeva tecnologia LED COB RGBW da 120 W con risoluzione a 16 bit, il proiettore PAR compatibile con RDM per un uso professionale esigente consente di ottenere mix cromatici vivaci, estremamente omogenei, con elevata risoluzione e un dimming ben calibrato. ZENIT® Z 180 G2 è invece un nuovo proiettore progettato per essere versatile, rapido da installare e semplice da utilizzare. Grazie all’innovativa tecnologia brevettata SPIN16®, può essere fissato in un batter d’occhio con il codolo TV da 16 mm nella staffa di supporto e con un SuperClamp. News Link.

Roland lancia sul mercato il Mixer AV Multi-Formato VR-50HD MK II, in una versione totalmente aggiornata e che migliora ulteriormente le funzioni del noto predecessore. Sulla base dei feedback ricevuti degli utenti di eventi live, è stata installata una uscita AUX per il supporto di confidence monitor dedicati, la registrazione o lo streaming dei feed, mantenendo la connettività e la flessibilità del VR-50HD originale, consentendo il suo utilizzo in un vasto range di eventi. Inoltre, VR-50HD MK II è dotato di un’interfaccia utente aggiornata e ancora più semplice, una migliore qualità audio per un mix ancora più professionale, capacità di controllo per selezionare videocamere PTZ JVC e Panasonic, e nuove funzioni interattive come il mixaggio audio intelligente automatizzato e una selezione automatica degli ingressi video. News Link.

Allen & Heath ha di recente rilasciato un nuovo aggiornamento software V1.4 per i mixer della serie SQ. Tra le novità troviamo la nuova modalità offline di SQ-MixPad, che consente di creare lo show e le scene offline, la funzione Input Ganging che permette di linkare più parametri sui canali in entrata, Recall Filter Overhaul con più filtri, più controlli e filtri per scena e i nuovi Add-On Processing con Multiband Compressors, Dynamic EQ e De-Esser. Input Ganging gestisce fino a 8 gruppi ognuno di 12 membri con configurazione individuale di ogni banda dei vari livelli, routing, EQ e dinamiche. Il tutto in maniera rapida grazie alla funzione drag n’ drop. Recall Filter Overhaul permette di applicare i vari filtri in modo rapido e semplice su differenti scene. Ideale per le situazioni complesse in ambito live e non solo. News Link.

ZEUS II H-5000QX di SoundSation è un nuovo amplificatore che nasce con l’idea di fare bene quello per cui è nato, ossia amplificare un segnale audio offrendo un prodotto essenziale, concreto ed affidabile e, soprattutto, dal costo accessibile. La soluzione del 4 canali, ormai adottata dalla stragrande maggioranza dei produttori grazie alla sua praticità, ha rappresentato quindi la scelta più ovvia ed in linea con l’uso che l’utente medio deve fare di questo prodotto. Ogni unità integra su ognuno dei 4 canali (800W @ 8ohm oppure 1200W @ 4ohm ) un crossover con filtro passa basso / passa alto, per l’utilizzo con sistemi full-range sia o subwoofer, un’efficace sistema di protezione che include, oltre al limitatore di segnale, il muting on-off, il rilevamento dell’offset DC, la protezione termica e la limitazione di corrente. News Link.

Audio Effetti annuncia una serie di appuntamenti per la presentazione in anteprima italiana di due nuovi prodotti professionali di alta qualità firmati Yes TechMG7S P3.9 Outdoor e MG6S P2.84 Indoor. L’azienda genovese ha organizzato tre eventi di presentazione, coadiuvati dalla presenza della delegazione ufficiale di ingegneri e manager di Yes Tech e di Marco Medica, Amministratore delegato di Audio Effetti insieme al suo staff, a testimonianza della grande importanza e valore che il produttore e il distributore nazionale conferiscono a questo lancio italiano. Potrete incontrare Audio Effetti e Yes Tech a Milano il 18 giugno 2019, Firenze il 19 giugno 2019 e Roma il 20 giugno 2019. News Link.

Vai alla barra degli strumenti