ALCHEMY 5 di DTS per lo show “Bolle and Friends”

Lo scorso 13 Luglio, all’interno della Piazza della Santissima Annunziata a Firenze è andato in scena lo spettacolo ‘Bolle and Friends’, in cui il noto ballerino protagonista della danza mondiale si è esibito in un contesto scenografico e illuminotecnico che ha esaltato le sue performance; in assolo e nei ‘pax de deux’ con i migliori ballerini internazionali.

Valerio Tiberi, Lighting Designer legato all’étoile da 10 anni, ha utilizzato le nuove teste mobili Fresnel LED wash ALCHEMY 5 per illuminare lo show.

“Roberto Bolle è un artista a tutto tondo, con competenze in ogni campo; è stimolante dialogare con lui da un punto di vista illuminotecnico, perché gli piace sperimentare nuove tecnologie ed è aperto a soluzioni artistiche non fini a se stesse, ma capaci di raccontare, di creare un’emozione. Ho creato il disegno luci con Roberto Bolle, ovviamente, cercando di dargli una connotazione comunque teatrale, pur essendo uno spazio all’aperto; la scelta dell’ALCHEMY 5 è stata dettata appunto dalla sua ‘teatralità’, che reputo una delle sue qualità più importanti, sia come caratteristiche tecniche che come forma. In questo caso i proiettori erano a vista, e non nascosti come magari capita in teatro. E l’ALCHEMY 5 mi da anche esteticamente l’idea di un vero proiettore teatrale, ovviamente con tutte le qualità di una tecnologia ipermoderna.”

Tiberi ho usato 16 ALCHEMY disposti su quattro americane parallele, principalmente in controluce, per una luce a pioggia, e anche per degli speciali al centro, per scontornare personaggi; gli ALCHEMY lavoravano sui personaggi, non sulla scenografia e sono stati scelti per la loro qualità della luce sulla persona, per la resa sulla pelle. “Con gli ALCHEMY puoi scegliere con precisione la temperatura colore e una varietà di sfumature, anche non sature. Io ho lavorato quasi sempre con i colori pastello che in questo spettacolo rendevano benissimo, valorizzando ogni ‘passo a due’ dell’esibizione, dandogli una connotazione relativa a quello che il passo a due raccontava.” – prosegue Tiberi.

Una delle caratteristiche evidenziate dal Lighting Designer riguarda l’emulazione delle gelatine, già pronte all’uso, che hanno permesso di passare dall’una all’altra in dissolvenza con la funzione di bilanciamento lineare dell’ALCHEMY, controllata direttamente dalla console.
“Per la prima volta, sono potuto passare da una gelatina all’altra non con una ruota colori ma in maniera totalmente lineare, con un tempo di cross-fade che ho liberamente stabilito. Avere accesso diretto ad una quantità di gelatine colore e di funzioni preimpostate all’interno della macchina significa una notevole facilità di utilizzo, ed una grande rapidità di esecuzione.”

Info: www.dts-lighting.it

Leggi altre notizie con:
Vai alla barra degli strumenti