DTS X Brick illumina la torre degli Asinelli di Bologna

In occasione delle feste natalizie, Bologna ha dato un nuovo look alla storica torre degli Asinelli, illuminata nei suoi quattro lati e per tutta la sua altezza con spettacolari fasci di luce colorata.
La Torre medioevale più alta d’Italia, è un monumento universalmente conosciuto, uno dei pochi giunti perfettamente integri fino ai nostri giorni, e rappresenta – assieme alla più piccola Garisenda – il simbolo di Bologna, una delle città italiane più ricche di storia e di cultura. L’importante installazione illuminotecnica è stata affidata a Radio Sata Service, una realtà italiana molto attiva nel settore del noleggio, installazione e vendita di impianti audio, video e luci per spettacoli ed eventi corporate e privati.

Luca Tagliavini, titolare dell’azienda racconta il progetto messo in piedi in occasione delle festività.

“La richiesta – fatta a Radio Sata Service dalla Confcommercio Ascom Bologna, nelle figure del Presidente Enrico Postacchini e del Direttore Giancarlo Tonelli – è stata quella di illuminare con dei cambiacolori la Torre degli Asinelli nella sua interezza, dal 29 Novembre 2019 al 6 Gennaio 2020, durante tutto l’arco delle Feste bolognesi. Il progetto è stato denominato ‘Luci e colori per la Torre degli Asinelli’.”

Il Direttore di Confcommercio Ascom Bologna, Giancarlo Tonelli, spiega l’importanza di questa installazione:  “si tratta di un’iniziativa di forte richiamo turistico per caratterizzare ancor più l’immagine di Bologna, rendendola unica, e che le aziende del terziario, abituate ad esercitare quotidianamente una funzione economica e di servizio, hanno fortemente voluto. In accordo con la Soprintendenza abbiamo scelto dei colori prestabiliti, eleganti sfumature cromatiche che cambiano a intervalli di 15 secondi.“

Dopo un confronto con varie aziende sul territorio nazionale, è stata scelta DTS per la scelta dei corpi illuminanti da utilizzare nell’installazione. Radio Sata Service, con i suoi due Lighting Designers Roberto Dalle Donne e Giuseppe Tomasi, ha curato e messo a punto la parte artistica del progetto, realizzando uno show che rispettasse il colore originale dei mattoni usati per la costruzione delle Due Torri, con una grande attenzione alla tradizione bolognese.

“Un approccio accurato, ma anche attentamente miscelato con la voglia di innovazione della città, curiosa di vedere il proprio simbolo sotto una nuova luce. Per ottenere questo risultato, abbiamo lavorato su sfumature e dissolvenze di colore che si sviluppano attraverso alternanze di bicromie e sul contrasto tra verticalità ed orizzontalità nella creazione di queste sfumature.” – ha commentato Tonelli.

X BRICK e BRICK si sono dimostrati la scelta perfetta per questa installazione, per la quale erano fondamentali alcune caratteristiche tecniche:

  • Generazione LED full color avanzata: un sistema di illuminazione tradizionale delle Due Torri è già operativo da anni; in questo caso la presenza dominante e simbolica della Torre degli Asinelli, capace di generare nuovo interesse e di creare attrattiva per il vivace centro storico di Bologna, andava enfatizzata con un utilizzo dinamico dei colori.
  • Livello di protezione integrale IP65: i proiettori infatti restano esposti per 45 giorni alla pioggia, al freddo e a tutte le intemperie dell’inverno.
  • Elevato flusso luminoso, indispensabile per illuminare adeguatamente dal basso una struttura alta ben 97,2 metri. Il BRICK ha infatti una luminosità di 14.277 Lux / 5 m; l’X BRICK di 27.100 Lux / 5 m.

Dopo una serie di calcoli fotometrici preliminari realizzati dalla DTS, Radio Sata – insieme al suo Direttore tecnico del progetto, Sean Cattani – si è occupata di tutte le fasi del progetto esecutivo, e ha definito on location il posizionamento dei proiettori e le relative ottiche da utilizzare. I proiettori (forniti dal Service Croma di Thomas Tassinari) sono stati collocati sulla pavimentazione della ‘Rocchetta’ in muratura che circonda la base della Torre, disponendoli sui quattro lati, in 3 file concentriche lungo il perimetro della stessa: 6 BRICK con filtri olografici da 20° nella fila a ridosso della torre; altri 6 nella fila intermedia e 4 X BRICK in quella più esterna, con ottiche native da 8°.

“Per ottenere una copertura uniforme dell’intera Torre, abbiamo modulato differentemente l’intensità luminosa delle tre file di proiettori: i BRICK vicino alla base della torre al 40% della luminosità; i BRICK centrali al 50%, gli X BRICK al 100%.”” – commenta Tonelli.

Lo show è stato programmato su una Avolites Quartz e poi registrato su un DMX recorder/player che provvede a mandare in onda lo show e le varie sfumature e dissolvenze dei colori. La programmazione è stata fatta per 4 giorni dalle 01 alle 05 della mattina in modo che le prove fossero viste il meno possibile. Inoltre la Torre si accende tutti i giorni alle 17:00 e si spegne alle 01:00. All’inizio di ogni ora parte uno show di 3 minuti con giochi di intensità e colori, tutto gestito dal DMX recorder/player, munito di orologio astronomico.

La generazione di una gamma prestabilita di colori e la modulazione dell’intensità luminosa dei singoli proiettori hanno permesso di ottenere risultati molto attraenti visivamente: da eleganti crossfade tra differenti sfumature cromatiche a dinamici effetti di movimento con spazzolate di luce verticali e orizzontali.
Per le attività extra-ordinarie – come l’estemporanea colorazione della Torre in rosso / blu con cui la città ha festeggiato la vittoria della squadra di calcio del Bologna in campionato – è possibile una gestione live, per la quale è stata creata la necessaria connettività.

Info: www.dts-lighting.it

Vai alla barra degli strumenti