Rentman propone 5 modi per sfruttare il periodo di pandemia a proprio vantaggio

Rentman propone una interessante riflessione con una serie di spunti per affrontare al meglio il momento di crisi del settore. La pandemia in corso ha sospeso milioni di piccoli e grandi eventi live in tutto il mondo e l’intero settore ha subito un fermo senza precedenti. Molte imprese e lavoratori autonomi si sono ritrovati a fronteggiare difficoltà economiche e una grande incertezza per il futuro.

Nonostante questo, la passione per il proprio mestiere non manca mai ai lavoratori di questo settore, e molti si sono rimboccati le maniche per usare il tempo a disposizione a proprio vantaggio. Rentman crede che anche in tempi bui si può trovare il modo di fare un po’ di luce, e una cosa è certa: c’è una luce in fondo al tunnel che presto riporterà tutti a saltare insieme in un concerto, a tifare la propria squadra del cuore o a festeggiare un matrimonio.

Rentman è un fornitore del mondo dello spettacolo, il cui team nel corso dell’ultimo anno ha continuato a interagire con aziende da tutto il mondo, ascoltando le loro storie. In questo articolo l’azienda ha voluto raccogliere alcuni esempi di come i vari clienti stanno affrontando questa crisi per prepararsi a giorni migliori.

1. Cambia direzione: Come continuare a creare valore?

Una delle più importanti iniziative a cui abbiamo assistito durante questa pandemia è stata una vera e propria inversione di marcia che alcune aziende hanno attuato per adattare i propri servizi alle nuove necessità della comunità. Ecco alcune opzioni che puoi considerare per continuare a portare lavoro in azienda:

Sfrutta il potenziale degli eventi virtuali

Se ne sta parlando ormai già da alcuni mesi, ma gli eventi digitali si stanno rivelando un’alternativa (se non completamente sostitutiva) piuttosto valida agli eventi fisici, complici i costi minori e una platea potenzialmente illimitata. Secondo l’ultima ricerca effettuata da AstraRicerche la scorsa estate e pubblicata da #Italialive, la percentuale di aziende che sono passate agli eventi virtuali in Italia è cresciuta al 63,6%. Invece di annullare o posticipare un lavoro, apri un nuovo dialogo con il cliente ed esplora le soluzioni esistenti per portare il loro evento online. Se l’inglese non è un problema, il nostro cliente AVcom ha messo giù un paio di consigli utili su come approcciare il mondo degli eventi digitali. In Italia, diverse aziende si stanno già addentrando in questo mondo, apportando una grande innovazione tecnologica alla propria attività. Per riconvertire la propria offerta da onsite a online, il nostro cliente AV Set Produzioni di Roma ha installato un limbo scenografico nel proprio magazzino, ricreando un vero e proprio studio virtuale grazie alla tecnologia green screen.

Adatta la tua offerta ad altri settori

Molte aziende e lavoratori autonomi hanno iniziato a offrire i propri servizi al di fuori del settore dello spettacolo. Ad esempio, Choura Events avrebbe dovuto costruire palcoscenici per Coachella e invece ha costruito strutture mediche temporanee a Los Angeles per curare i pazienti con COVID-19. In Italia, una delle iniziative più degne di nota che sta funzionando molto bene nasce dall’idea di un gruppo di tecnici del settore: si tratta di #ChiamateNoi, piattaforma che si propone l’obiettivo di mettere le competenze specifiche di tecnici qualificati a disposizione di aziende operanti in altre aree produttive, quali la sanità o l’edilizia, aiutando di fatto queste figure a trovare occupazioni alternative in attesa di tornare a lavorare per gli eventi.

Prova qualcosa di nuovo

Se portare i tuoi eventi online o entrare in altri settori non è un’opzione per te, non aver paura di provare qualcosa di nuovo. Pensa a come puoi rimodellare le risorse della tua attività nella creazione di altre soluzioni necessarie in questo periodo. Alcune aziende hanno usato molta creatività a questo scopo. Stagekings ha visto un’opportunità nel rispondere all’elevata domanda di attrezzature per lavorare da casa, passando dalla costruzione di strutture per eventi alla costruzione di scrivanie. Anche in Italia non manca l’inventiva. Il nostro cliente Service 2 Service si è attrezzato per offrire spettacoli e proiezioni all’aperto come i drive-in di cui tanto si è parlato quest’estate. E a proposito di drive-in, un’iniziativa degna di nota per il carattere economico, ecologico e soprattutto creativo è il Bike-in, un nuovo format di spettacolo su due ruote ideato da due imprenditori italiani, con l’obiettivo di creare lavoro e mantenere attivo il settore dello spettacolo e dell’entertainment.

2. Fai manutenzione

Cosa fare quando non si può lavorare in cantiere? La risposta è abbastanza immediata. La maggior parte delle aziende con cui siamo entrati in contatto in questo periodo era alle prese con le “faccende domestiche”. Riordinare l’inventario, eseguire pulizie e manutenzioni necessarie, preparare come si deve l’azienda a ripartire ordinata e più in forma di prima non appena arriverà il primo ordine.

Una delle operazioni più importanti per fare pulizia è il conteggio dell’inventario. Questa attività ti permette di verificare che tutti i conti tornino e che qualsiasi attrezzatura che richieda manutenzione o pulizia riceva la cura necessaria. Il nostro Product Team ha deciso di anticipare il rilascio di una funzionalità dedicata in Rentman per fornire lo strumento adatto ai nostri clienti.

3. Ottimizza i processi di lavoro

Se non lo hai già fatto, cerca lo strumento adatto alla tua azienda per tenere traccia di inventario, manutenzione e pianificazione futura. Se disponi già di un software ma ritieni che sia obsoleto, usa il tempo a disposizione per cercarne uno nuovo. Alcuni software (come il nostro) offrono prove gratuite estese durante questo periodo per dare alle aziende interessate tutto il tempo necessario per testare.

Per tante aziende, inoltre, questo è il momento perfetto per integrare la scansione di codici QR o barcode nel proprio magazzino. La maggior parte dei software di gestione del magazzino ti consentono di condurre l’intero processo autonomamente e in cloud, dalla personalizzazione del layout fino alla stampa delle etichette da applicare sul tuo materiale. Se sei pronto a intraprendere questo percorso, dai pure un’occhiata ai nostri 7 consigli per impostare correttamente i tuoi codici a barre & QR e alla guida definitiva all’etichettatura del materiale.

4. Lavora sulla tua presenza online

Un’altra possibilità è quella di lavorare sulla presenza online della tua attività. Rispolvera il tuo sito web e fai qualche miglioramento in modo che i tuoi servizi possano davvero distinguersi dalla concorrenza.

Se vuoi rendere ancora più facile per i tuoi clienti effettuare un ordine in futuro, potresti considerare l’integrazione nel tuo sito web di un servizio di noleggio online del tuo materiale, che puoi anche collegare al tuo software gestionale. Dai un’occhiata ai 6 consigli per creare un sito ecommerce per il tuo materiale a noleggio.

5. Promuovi la formazione nel team per il post-Covid

Per chi ha più tempo libero di quanto vorrebbe, questo potrebbe essere un buon momento per affinare le abilità e competenze tecniche del proprio team. Che si tratti di formare il dipartimento commerciale o il personale in magazzino, la parola d’ordine è una sola: webinar! L’intera gamma di distributori del settore dello spettacolo si è data da fare per avviare iniziative di formazione per tenerci tutti impegnati durante la fase 1 della quarantena.

Queste ore di formazione sono un regalo prezioso per chi ne fa uso: quando si tornerà alla normalità caotica pre-Corona, il tempo impiegato per migliorare le conoscenze delle tue risorse ti aiuterà a rimanere un passo avanti dalla concorrenza. Anche Rentman ha condotto diverse serie di webinar di formazione per aiutare i propri utenti a formare il proprio team su moduli specifici del software.

Sei curioso di sapere come Rentman può essserti utile in questo periodo ? Richiedi una demo con un esperto del prodotto o ottieni un periodo di prova di 90 giorni!

Info: rentman.io

Leggi altre notizie con:
Vai alla barra degli strumenti