Articoli di Alexander Esposto
ProLight + Sound 2018 – Impressions and Trends

ProLight + Sound 2018 – Impressions and Trends

20 Apr 2018
Frankfurt's edition of Prolight + Sound has just come to an end, with a show that brought success and productivity for many a company, including us in the Light Sound Journal network. We never like to gloat, so we'll just let the facts speak for themselves: over 100 live news reports, spread over three days of the fair, in two languages (English and Italian). In total we covered almost 200 products, with dozens of posts re-launched across our main social networks, as well as live videos and updates on Facebook. This was possible thanks to our dedicated team of 6, whose efforts were confirmed by the high visitor numbers to all of our network portals. Thanks to all of you who have followed us - please keep doing what you do. Moreover, we remind you that in less than a month we will be at MIR Rimini, as well as PL+S Guangzhou shortly after. Having said that, many people wondered just how successful this 2018 edition of the fair would be. Prolight + Sound is perhaps the most famous and long-lasting fair in our sector, so it's inherent that it's therefore one that divides and provokes opinion the most. When you're at the top of your game, with tradition and reputation weighing on your shoulders, it's only natural to have all eyes focussed on your future. These days, there are those who would never even consider not participating, alongside those who do not consider it to be as fundamental an appointment for their market strategy as it once was. It's indeed true that over the past few years there has been a physiological downsizing of importance placed on these events. On the other hand, however, it's no mystery for anyone that even a market as broad as that of "professional entertainment" is going to change over time, with new sectors joining and proudly standing alongside the more traditional audio and lighting companies. This is an industry with new, carefully organised and equally fierce events popping up all the time, so of course we are going to see, in part, some of the attraction and interests of companies and the public being stolen and redirected, both in Europe and worldwide. Despite this, it is important to step back and look at the organisation as a whole. Frankfurt Messe in the East, with PL+S Guangzhou and PL+S Shanghai (fairs that we visit regularly), are getting incredible results. Arguably this is one of the reasons why the Eastern population potentially has less motivation to travel to Frankfurt. [caption id="attachment_89345" align="aligncenter" width="720"] Messe Frankfurt Exhibition GmbH / Jochen Gunther[/caption] Despite the ongoing (and in some instances unpredictable) changes that we are seeing to the scene, we met many at the fair who were very happy, alongside some who displayed less positivity. However, in the interests of intellectual honesty and transparency, we must say that almost no one we met displayed any real discontent or disappointment for the show, as those that have already made the decision to renounce the importance of Frankfurt have already moved on in previous years. What many companies have not yet understood, however, is the real direction that the the fair is attempting to steer itself in. The task of reorganising a format of this scale is certainly not a simple one. Indeed, this is a task made even more complex by the fact that for almost twenty years, the Frankfurt shows were merely a gangway of companies, made up by sumptuous stands and products in plain sight. Nothing more, nothing less. "Immersive Technology" this is the key term here, namely the desire to give direct and engaging experiences to attendees and to offer companies the opportunity to demonstrate their technologies in new and proactive ways. There are those who have clearly understood this directive, such as d&b audiotechnik with their demo room dedicated to the Soundscape spacialisation system for example, the both active and interactive stand of Pioneer, or even Panasonic and Green Hippo with experiences involving holographic projections, video projections, media servers and more. These are the companies have truly captured the attentions of their target audience, in addition to be those who have recorded a success in the show that has surpassed past editions. Further demonstrating this is the success and impact of to the two Sound Arenas, which are always of great appeal. These are incredibly appreciated by a public who willingly stop en masse to listen to the installations that are demo-ing, during the beautifully sunny days, often with a well needed beer in hand. [caption id="attachment_89349" align="aligncenter" width="720"] Messe Frankfurt Exhibition GmbH / Jochen Gunther[/caption] Ok, this recorded success is not consistent to all companies. If we didn't notice the downsizing and the defections of booths from some major companies then we wouldn't have been paying close enough attention. However, by having having a direct and constructive dialogue with the fair's organisational team, we feel confident that a well-defined and long term strategy continues to underpin the show moving forward. This is by no means a simple plan, but one that foresees an important "cultural" change, one that can not merely addressed by a simple reorganisation of spaces, or a change in pavilions and logistics. Moving forward, next year's Prolight & Sound and MusikMesse will be even closer to one another, clustered around the same focal point, ie the large square between pavilions 1, 3, 4 and 5. Prolight + Sound will occupy the pavilions on the "0" floor around the central square, whilst MusikMesse will utilise the upper floors of the pavilions. TRENDS AND PRODUCTS We have given our readers plenty of product news to choose from, with all of our reports available in our PL+S Special, now available as an archive from our quick search section. As for the novelties presented here at Prolight + Sound, let's take a closer look at just a few! Without wanting to give awards or rankings we willingly enter the game - always risky for those who do our job - to unbalance us on those products that we liked the most. It it possible not to start off with the new d&b audiotechnik GSL system? This is a series that has been painstakingly laboured over, with internal components and systems that are certainly of great ingenuity and by no means simple to achieve. Two front facing 14” drivers are accompanied by two side firing 10” drivers, which couple and apply cardioid techniques that provide for precise directivity, as well as extended low frequency headroom towards the audience. In addition, so as not to miss anything, mid-range is delivered by a high sensitivity horn loaded with a 10” driver, while three custom-made 3.4” diaphragm HF drivers mount onto a wave shaping device to provide the high frequency resolution and output. On paper this is a system that sounds impressive, very impressive, although certainly not accessible to budgets other than of those working at the top of this industry. Sticking to the subject of line arrays, the Italians don't mess around either. dBTechnologies boast an equally ingenious design of internal geometry with VIO L212, consisting of double 12'' and four 10'' drivers, with reflex walls that, with a really interesting trick, also form the loading for the high frequencies, dramatically reducing the required space. We also have Outline with the Superfly. This is another product that, on paper, showcases a project formed formed on the basis of complex acoustical studies. Unfortunately for us the show is always like walking a half marathon every day, with our iPhones recording 10 miles and more on some days! As a result, it was impossible for us to listen to every one of the demo systems in the two Sound Arenas. What's more, again in the interests of transparency, we don't really like this type of "demo mode" listening. However, the only four systems we did have the opportunity to hear where from KV2 Audio, Funkiton One, RCF and DB Technologies, all of which sounded really good, each with its own rather unique characteristics, but certainly all very high performing. In terms of mixing and processing, there seemed to be very little from the show to report on, perhaps aside from the small interface from Audinate, the Dante AVIO Adapter. This useful little adapter allows for  legacy products to be included into a system of dante-enabled devices. On the visual side, a sector that has never recorded any particular decline in Frankfurt, we found many interesting innovations, with three important "world premieres". First of all, the presentation of the new standard of data sharing between pre-visualization software, consoles and fixtures, known as General Device Type Format (GDTF). This new format is a result of collaboration between Vectorworks, MA Lighting and Robe. The new format aims to create a communication standard between the three entities, eliminating the need to perform complex conversions between the various formats. In this way the whole workflow will be more streamlined and it will be possible to share a project on multiple platforms, across multiple consoles. Also present at PL+S was the long-awaited GrandMA3. Building on the experience gained with previous MA Lighting consoles, one particular improvement is a new and completely redesigned effects management system, as well as other interesting features and improvements concerning the user interface, the ergonomics of keys, faders and more. The third important new feature, exhibited for the first time in Frankfurt, is ZAC-EYE, a device that directly connects to a Claypaky fixture and simulates the behaviour of the human eye in order to recognise a person. From this, the light then follow the various movements of the individual, acting as a replacement for the traditional follow-spot. We had the opportunity to attend a presentation dedicated to the press, which allowed us to closely observer the functions of a system that surely represents a new frontier in the management of shows, with a lighting fixture that is completely autonomous. Numerous other innovations present at the fair tended to follow two types of trends in particular. First, many companies have focused on the quality of light, with some interesting proposals such as Synergy 5 Profile from DTS. Amongst the many features, the fixture allows for the adjustment of the CRI parameter. Staying on this trend, Spotlight released the new Fresnel Hyperion, with an LED source of 300W RGBACL alongside an intelligent colour balance management system. ARRI has introduced new firmware for their well-known Skypanel and has demonstrated its qualities through an example of lighting in the automotive sector, one of the most difficult in the lighting field. Finally, ETC presented Pearl, a 2,700K - 6,500K projector with 60% more brightness than other Colorsource products. [caption id="attachment_89367" align="aligncenter" width="720"] Messe Frankfurt Exhibition GmbH / Jochen Gunther[/caption] The second trend comes from the video industry, with several proposals aimed at the entertainment world. The first of these comes from NEC, with a series of projectors dedicated to live events. Panasonic demonstrated a particular immersive installation that combines its video technologies with the Disguise media server and the BlackTrax tracking system by Cast Software. GreenHippo, which offers integration with Notch for real time multimedia playback and 3D mapping, presented an immersive demonstration with live dancing, whilst Dicolor presented an entry for the Guinness Book of World Records, with the largest mobile screen in the world at 144 m2, 16×9 meters in dimension and with true 4k resolution. A FEW NUMBERS... Whilst we await the final numbers for the show, which we will disclose in an official statement, we can share with you the first data that has come to us. Overall, between the five days of PL+S and Musikmesse, 1,803 companies from 56 countries attended, with a total of over 90,000 visitors from 152 countries. This was a number that was partly affected, especially on the first day, by the great inconveniences caused by the airline strikes in progress, which led to more than 800 canceled flights alongside other transportation problems to and from the airport. Another interesting fact is that more than 20,000 people participated in the Musikmesse Festival events, held across 30 locations around the city. This is surely a sign that raw music, in all its different formats, is always a source of great attraction. We'd like to add that, from our perspective at least, in general the public in the pavilions circulated fairly slowly, especially during the second day and in the halls dedicated to the lighting, where at some points the turnout was truly remarkable. We already have the dates announced for 2019, with Musikmesse and Prolight + Sound 2019 running overlapped again, with the gates open from 2nd to 5th April, from Tuesday to Friday. Aldo Chiappini Editor in Chief Walter Lutzu ZioGiorgio team © 2001 – 2018 NRG30 srl. All rights reserved]
GLP Lighting: azienda “teutonica” ma con tanta fantasia…

GLP Lighting: azienda “teutonica” ma con tanta fantasia…

22 Feb 2018
Lo scorso Novembre siamo stati in Germania a Karlsbad-Karlsrue nella regione del Baden Wüttemberg, dov’è situato il quartier generale di una delle aziende più “dinamiche” del settore e con una storia di oltre vent’anni. Solitamente non ci piace usare l’aggettivo “dinamico”, un termine un po’ inflazionato e civettuolo, ma che riferito a GLP – German Light Products - calza a pennello. La visita, che vi andremo a raccontare da qui a poco, ci ha in effetti abbastanza sorpreso: se da una parte GLP rispecchia un po' quello che è lo stereotipo dell'azienda tedesca, molto attenta all'ordine, al rigore ed all'organizzazione, dall'altra parte abbiamo conosciuto meglio un team - a cominciare dal CEO Udo Künzler - che fa della fantasia e una buona dose di sana sfrontatezza la sua arma vincente. [caption id="attachment_71524" align="aligncenter" width="720"] Il CEO di GLP - Udo Künzler[/caption] "Ascoltiamo sempre attentamente i feedback e le richieste dei nostri clienti e soprattutto cerchiamo di interpretare le esigenze dei Lighting Designer, perché alla fine quello che devi fare sono prodotti realmente utili e che servono a migliorare il lavoro e le performance dei professionisti"  Ci ha confessato Udo durante la nostra lunga chiacchierata. Come dargli torto? A ben vedere il "saper ascoltare" è sempre un'arma vincente, ma anche virtù di pochi... [caption id="attachment_69849" align="aligncenter" width="720"] Al nostro arrivo abbiamo ricevuto un benvenuto veramente caloroso![/caption] I motivi alla base della sua nascita e la sua storia hanno dei tratti che possiamo definire romantici, proprio perché tutto è partito da un sogno, come ci ha raccontato proprio l’eclettico Udo Künzler che ha voluto accompagnarci personalmente in un tour guidato attraverso tutta la sede, da poco rinnovata.  Nonostante i componenti vengono assemblati in Cina, la sede di Karlsbad ha un’enorme importanza strategica, poiché è proprio in questo luogo che i nuovi prodotti vengono ideati, sviluppati e testati, grazie all’enorme spazio disponibile in cui sono situati uffici, laboratori e un particolare showroom, all’interno di un vero e proprio club. Quello che ci ha stupito maggiormente di questo incontro è la grande vitalità che si respira nell’azienda, una vitalità e un ottimismo che si percepiscono dalle parole dello stesso CEO e che fa eco probabilmente ad una situazione economica, in generale, non così difficoltosa per il popolo tedesco… Qui sotto vi proponiamo l’intervista integrale ad Udo Künzler con cui ci siamo intrattenuti alla fine della visita all'interno dell'azienda. [caption id="attachment_69847" align="aligncenter" width="720"] Un'atmosfera da ufficio rilassante e allo stesso tempo produttiva[/caption] LightSoundJournal.com: partiamo dall’inizio, come è nata GLP? Udo Künzler: bisogna andare piuttosto indietro nel tempo, prima di dar vita a GLP lavoravo alla Siemens come tecnico elettronico. Ad essere onesto era un buon lavoro ma non era assolutamente stimolante. In quel periodo aiutavo mio zio Hartmut Braun che era a capo della B&K Showelectronic, un’azienda che era diventata leader nelle forniture per il mercato dei nightclub e delle discoteche. Fu dopo il mio servizio di leva nell’esercito che decisi che sarei rimasto a lavorare soltanto con mio zio. Fu così che dopo una certa gavetta diventai capo del reparto tecnico ed iniziai, con l’aiuto del team, a modificare le fixture. In quel periodo nacque l'idea di sviluppare uno scanner veloce, con una testa mobile e una rotazione del fascio di 360 ° in modalità pan e tilt, un’idea ed un prodotto per noi importantissimo, perché fu la svolta che portò alla nascita di GLP nel 1994. Inizialmente i nostri prodotti per la maggior parte erano destinati a discoteche e piccoli service, solo successivamente, parallelamente ad una crescita costante, ci siamo spostati anche su altri segmenti di mercato. [caption id="attachment_69855" align="aligncenter" width="720"] Questo è quello che chiamiamo uno showroom...[/caption] LightSoundJournal.com: ma da quel che abbiamo capito vi siete sviluppati piuttosto velocemente.. Udo Künzler: eravamo molto euforici all’inizio, e lo siamo tutt’ora! Questo ci ha permesso di credere ancora di più in quello che facevamo e abbiamo lavorato duramente per arrivare agli obiettivi che ci eravamo posti. Non vi nascondo che ci sono stati anche dei momenti difficili per noi, e se ripenso adesso ad alcuni aneddoti mi viene da sorridere… Mi fu chiesta una commessa per un importantissimo evento sportivo per la fornitura di un grande numero di fixture che, al tempo, non eravamo in grado di realizzare in così poco tempo. Io mi guardai bene di ammettere l’incapacità produttiva davanti al mio interlocutore e ricordo di aver annuito e dato rassicurazioni per tutto il colloquio, in una specie di stato di euforia mista ad incoscienza! Nel viaggio di ritorno in macchina realizzai bene cosa avevo promesso e continuavo a ripetermi “cosa ho fatto, cosa ho fatto…”. La storia però si è conclusa bene, abbiamo lavorato tutti, notte e giorno ma alla fine abbiamo rispettato l’impegno ed abbiamo guadagnato una grande fiducia con un importante cliente, col quale collaboro spesso ancora adesso. LightSoundJournal.com: tanti successi ma anche qualche flop, confermi? Udo Künzler: certo, credo che anche un insuccesso possa rivelarsi comunque utile in un qualche modo. Di certo ricordo il grande successo che ebbe nel 1996 al Plasa Show di Londra il Patend Light 575, ma che ci mise in un certo senso di fronte al “giudizio” ed alle aspettative del mercato che in quella occasione si era accorto di noi. Per questo, quando pochi anni dopo un altro nostro prodotto sul quale scommettevamo molto non ottenne l’apprezzamento del precedente, accusammo il colpo. Tutto ciò ci ha stimolato a migliorare e a imparare dai nostri errori, soprattutto a capire quali erano le vere necessità del mercato grazie anche ai nostri clienti con cui abbiamo un ottimo rapporto. [caption id="attachment_69854" align="aligncenter" width="720"] Lo showroom di GLP ha una vera atmosfera da club[/caption] LightSoundJournal.com: ad oggi con quali parole vi definireste? Udo Künzler: con tutte le parole che sono l’essenza di GLP: persone, rapporto, qualità e ascolto! Siamo un azienda fatta da persone che offre qualcosa ad altre persone e per noi il rapporto col partner commerciale è fondamentale. LightSoundJournal.com: quale pensi sia la caratteristica che più vi contraddistingue? Udo Künzler: credo che un altro aggettivo che sceglierei per definirci sia innovazione, ed è probabilmente quello che descrive meglio la nostra essenza, il nostro essere. Il nostro intento è quello di fornire prodotti innovativi a prezzi economici. Non è una cosa semplice, ne siamo consapevoli, e capita spesso che il reparto di sviluppo ci dica che alcune cose sono fisicamente impossibili da poter realizzare, ma invece di demordere cerchiamo di realizzarle magari scegliendo una strada differente, meno “battuta”. Persistenza in quello che si fa, credo di non dire nulla di nuovo, ma chiunque faccia l’imprenditore sa bene di che parlo… [caption id="attachment_69848" align="aligncenter" width="720"] Word hard play hard. Right?![/caption] LightSoundJournal.com: da dove vengono quindi tutte queste idee così importanti per la nascita di nuovi prodotti? Parlo di stimoli, ricerca e via dicendo… Udo Künzler: siamo in contatto con molti lighting designer e cerchiamo di aiutarli nel loro lavoro come loro lo fanno con noi. Li aiutiamo anche quando i prodotti sono già sul mercato, per esempio su come utilizzarli nel migliore dei modi per poter esprimere al massimo la propria creatività. Cerchiamo di essere sempre vicino ai clienti quando ne hanno necessità, ed è un aspetto molto importante perché c’è un vero e proprio scambio di idee e informazioni. Per rispondere alla tua domanda posso dirti che non ci interessa essere per forza i primi, ma piuttosto di offrire un aiuto concreto e tangibile ai professionisti. Ovviamente vogliamo crescere come azienda ma il nostro obiettivo principale è quello di creare per i professionisti ed insieme a loro delle soluzioni in base ai bisogni effettivi del mercato. Le persone ci scelgono per la qualità e tornano da noi non solo per questa caratteristica ma anche per il rapporto che si instaura. Voglio essere onesto, nonostante tutto credo che siamo una realtà ancora piccola ma sono veramente contento di come vanno le cose e mi piace essere sempre in prima linea con i clienti che sanno di potersi fidare. La fiducia nei nostri confronti è un aspetto molto importante e a differenza delle aziende più grandi uno dei nostri punti di forza è la capacità di creare un vero e proprio feeling col nostro interlocutore. Devi essere dentro al mercato, nel vero senso della parola, per capirlo a fondo. È per questo che frequento io stesso venue, studi televisivi e fiere di settore, così da essere sempre in prima linea… Da queste parole possiamo meglio comprendere quanto l'umiltà, il gioco e il fatto di affrontare gli eventi con determinazione continuando a divertirsi, siano la base di questa azienda. Non a caso proprio quest'anno GLP ha dato vita a JDC1, una fixture ibrida innovativa e originale che sta raccogliendo successi ovunque, e dopo aver visto da vicino la vera essenza dell'azienda riusciamo ancora di più a immaginare come si è arrivati a realizzare un prodotto del genere, guardando lo sviluppo non solo come una mission strettamente legata al business, ma come un processo creativo funzionale inserito in un contesto aperto, divertente e, ancora una volta, dinamico. Info: www.glp.de Alex Esposto Aldo Chiappini ZioGiorgio Team]
Una giornata da d&b audiotechnik

Una giornata da d&b audiotechnik

4 Feb 2018
Alcuni degli aspetti peggiori del nostro lavoro riguardano probabilmente la fatica e lo stress causati dai lunghi viaggi in giro per il mondo. Questa volta, per esempio, per recarci in terra teutonica abbiamo macinato quasi 2000 km totali che abbiamo percorso interamente in auto con meteo e traffico avversi. Ad essere onesti però, dobbiamo anche dire che queste fatiche passano completamente in secondo piano quando si presentano delle opportunità così ghiotte per chi, come noi, continua a divertirsi tra casse, mixer e luci. A Backnang, una cittadina a pochi chilometri da Stoccarda, si trova il quartier generale di d&b audiotechnik, una delle aziende più importanti e longeve del mondo dell’audio, nata agli inizi degli anni 80 da due ingegneri del suono con l'obbiettivo di "creare prodotti affidabili ed in grado di riprodurre una qualità sonora più alta possibile".  Le idee dei due neo imprenditori erano già molto chiare sin dall’inizio, motivo per cui iniziarono a produrre sistemi di diffusione completi abbinati agli amplificatori ritenendo che, per ottimizzare le performance, ci fosse bisogno che gli strumenti lavorassero insieme; una prerogativa che vale anche ancora oggi. Negli anni l'azienda è cresciuta parecchio ed ad oggi conta un organico di circa 450 persone e varie sedi sparse per tutto il mondo. La visita, gestita in maniera impeccabile in termini di organizzazione, è stata organizzata e coordinata da Uwe Horn,Public Relations Manager che, dopo i saluti di rito, ci ha affidato a Bella Staiber, coordinatrice marketing di d&b, che ci ha introdotto nelle stanze dell'azienda (alcune segrete...) per spiegarci con cura tutte le fasi produttive. Poco dopo è stata la volta delle interviste a due personaggi chiave dell'azienda: il CEO Amnon Harman e il Chief Marketing Officer David Claringbold. Il tour all'interno della catena produttiva - che occupa diversi e caratteristici edifici in mattone rosso - ha per certi versi confermato e rafforzato l'idea che da sempre abbiamo dell'azienda che pone efficienza e affidabilità al primo posto. Se dovessimo trovare una parola chiave per descrivere in massima sintesi la catena produttiva, potremmo usare la parola "controllo". Le fasi in cui i prodotti, dal singolo cavo fino al prodotto finito, vengono controllati sono molteplici e sempre accurate. D'altra parte è convinzione dello stesso Mr.Harman che "non dover spendere troppe risorse ed energie per riparare prodotti difettosi, equivale ad ottimizzare costi ed economie di scala". Quella che vi proponiamo sotto è proprio l'intervista che abbiamo avuto col CEO Amnon Harman, che si è intrattenuto con noi per quasi due ore al fine di spiegare quella che è la filosofia dell’azienda. [caption id="attachment_69352" align="aligncenter" width="720"] Il CEO di d&b audiotechnik Amnon Harman[/caption] LightSoundJournal: Mr Harman, partiamo dalle domande facili. d&b è un’azienda nota per l'alta qualità e affidabilità dei prodotti. Quali sono a suo avviso gli aspetti che vi consentono di rimanere ai vertici della categoria? Amnon Harman: è più semplice di quello che possiate pensare! In primo luogo cerchiamo di offrire ai nostri clienti dei prodotti che possano semplificare il lavoro e questa è una cosa che apprezzano molto. Creiamo perciò dei sistemi che possono integrarsi e lavorare al meglio tra loro, anche nel tempo. Se un cliente ha intenzione di cambiare un amplificatore sa che con il nuovo modello il suo sistema potrà lavorare perfettamente senza perdere performance o scendere a compromessi, questo vale anche al contrario volendo, nel senso che finali più datati possono comunque pilotare sistemi più recenti. Poi c'è tutta una serie di "tools" che vengono forniti a compendio (gratuitamente) e che costituiscono quello che per noi è il pacchetto completo, "chiavi  in mano". Altro aspetto importante è l'ottimizzazione del lavoro dei clienti che si traduce in un risparmio in termini assoluti. Prendiamo il software NoizCalc per esempio: è incredibile poter pianificare e simulare la configurazione ottimale del sistema nel luogo dell'evento. Ti fa risparmiare tempo e denaro, perché configura solo ciò di cui hai effettivamente bisogno in quella determinata venue. Inoltre arricchiamo continuamente le funzionalità di ArryCalc e questo fa aumentare anche il valore dei prodotti che il cliente ha già acquistato da noi. LightSoundJournal: i sistemi di d&b dedicati al touring sono oggettivamente tra i più apprezzati sul mercato. A nostro avviso, oltre a delle buone caratteristiche tecniche e costruttive, per avere un risultato al top c’è anche bisogno di qualcuno che sappia usare il prodotto nel modo corretto. Quali strategie adottate in questo senso? Amnon Harman: ci assicuriamo che i nostri clienti siano istruiti adeguatamente. Abbiamo un team di tecnici che si occupano di formazione, e organizziamo training che possono essere prenotati gratuitamente dal nostro sito internet. I nostri ingegneri non insegnano solo ad utilizzare i nostri prodotti, ma forniscono anche le basi dell'acustica a coloro che non sono così esperti. Nei corsi più specifici invece ci addentriamo più nel dettaglio di alcuni argomenti, insegniamo per esempio come come trasportare, come settare e come ottimizzare i sistemi. Investiamo molto tempo e molti soldi in tutto ciò, ma ne siamo felici perché ogni cliente d&b è un cliente qualificato e in grado teoricamente di garantire un risultato di alto livello. LightSoundJournal: NoizCalc ha riscontrato un buon successo, può dirci qualcosa di più riguardo a questo software? Amnon Harman: NoizCalc è una delle nostre tecnologie più recenti. È stato progettato per simulare l'emissione sonora in modo estremamente accurato. Il software aiuta le società di noleggio a pianificare grandi eventi all'aperto e ad assicurarsi che le emissioni sonore rimangano in limiti rigorosamente definiti. NoizCalc sfrutta i dati forniti dal software di previsione ArrayCalc e aiuta a simulare il livello di immissione del rumore nell’ambiente da uno o più sistemi di amplificazione d&b. La stima dei livelli viene fatta in base agli standard internazionali. E’ un prodotto che permette ai nostri clienti di risparmiare tempo e denaro e rispecchia la nostra filosofia perché è stato creato appositamente per migliorare il lavoro dei nostri clienti ed ottimizzare le tempistiche. LightSoundJournal: un altro software chiamato Soundscape ha fatto la sua apparizione sul mercato da poco. Amnon Harman: lo stiamo presentando in giro per il mondo da qualche tempo anche se non è ancora stato lanciato ufficialmente. Dietro d&b Soundscape c'è una matrice audio che consente di abilitare il posizionamento spaziale 3D. Il software opererà sulla nuova piattaforma DS100 e consentirà ai sound designers di disporre di sorgenti multidimensionali, di simulare l’acustica nell’ambiente e di processare la matrice dei segnali. Tutto ciò si traduce nella possibilità di creare una nuova esperienza per il pubblico che siamo convinti prenderà molto piede negli anni a venire. E’ un prodotto che ci ha spinto sempre di più nel campo artistico, il lancio ufficiale è previsto per Febbraio 2018 ma abbiamo già effettuato alcune installazioni. Posso dirvi che fino ad ora questo progetto ha ricevuto molto interesse non soltanto da parte dei nostri clienti, ma anche da tutto il lato creativo di questo business che sta sperimentando nuovi concetti per stuzzicare il proprio pubblico. LightSoundJournal: si dice anche che i vostri prodotti siano tra i più cari sul mercato... Amnon Harman: corrisponde probabilmente al vero. Siamo consci di questo ma per noi la qualità non è inerente solo al prodotto finale ma a tutto ciò che gli gira intorno, partendo dalla progettazione fatta con i software arrivando fino all’assistenza clienti. Come dicevo prima forniamo un pacchetto veramente completo e l'esborso in termini di acquisto è probabilmente ripagato risparmiando su altri aspetti costosi nel tempo. LightSoundJournal: Mr Harman, in ultima battuta può raccontarci qualcosa riguardo le attività commerciali internazionali, comprese quelle in Cina e in Oriente. Ci sono anche altre aree demografiche su cui vi state espandendo? Amnon Harman: il mercato asiatico corrisponde circa al 20% delle nostre attività e sta crescendo continuamente. Più di 10 anni fa abbiamo aperto i nostri uffici in Giappone, che ha un mercato veramente speciale, non voglio dire che sia "isolato" ma è certamente autonomo e anche molto grande. All’inizio del 2016 abbiamo aperto nuovi uffici anche a Singapore che sarà il nostro quartier generale in Asia. Da lì sosterremo la nostra base di clienti in oriente e cercheremo di crescere ancora. Un'altro mercato in costante crescita per noi sono anche le Americhe. Intendiamo far crescere il nostro team e creare maggiori opportunità di interazione con i nuovi clienti. Sicuramente siamo ancora nella fase di decollo in questo grande mercato. Dopo aver parlato con Mr. Harman abbiamo incontrato lo chief marketing officer David Claringbold che ci ha fornito una panoramica chiara e coerente di quello che è il brand d&b audiotechnik. [caption id="attachment_71134" align="aligncenter" width="720"] d&b audiotechnik Chief Marketing Officer – David Claringbold[/caption] LightSoundJournal: nella sua storia d&b si è sempre presa cura della propria immagine e del proprio marchio. Perché pensi che sia fondamentale attribuire una così grande importanza a questi fattori oltre ai prodotti stessi? David Claringbold: l’immagine di corporate e il brand rappresentano gli elementi, i servizi, la personalità e la filosofia di una compagnia. Quello che ci differenzia nel mercato è dato dal fatto che noi creiamo un "focus" attorno ai prodotti e al flusso di lavoro. Abbiamo combinato questo con l'essere anche un'azienda divertente per il modo in cui ci siamo commercializzati e per avere successo riteniamo che i clienti debbano avere un buon rapporto con l'azienda stessa, motivo per cui nel tempo siamo riusciti ad avere molti affezionati e fedeli al marchio. C’è sempre molta curiosità verso di noi e questa combinazione di fattori ha dato vita a una percezione di valore del brand. LightSoundJournal: come vi descrivereste in 4 aggettivi? David Claringbold: passione, ossessione, qualità e creatività! LightSoundJournal: ossessione? David Claringbold: sì, nella ricerca del particolare e nel controllo qualità. LightSoundJournal: rispetto ad altre aziende del settore, si potrebbe affermare che le release dei prodotti sono meno frequenti ma di maggiore impatto. È una strategia?  David Claringbold: no, è una cosa che è data dalla nostra filosofia. Creiamo dei prodotti che funzionano sulla stessa piattaforma e che non hanno un ciclo di vita breve ma che può arrivare addirittura fino a 20 anni. Questo da valore e affezione a quello che facciamo e al nostro marchio. Quando sviluppiamo un nuovo prodotto cerchiamo di capire proprio dai nostri clienti quale sia il bisogno del momento o quale sarà la direzione futura. Inoltre testiamo per lungo tempo sul campo - più o meno segretamente - i nostri sistemi prima di lanciarli ufficialmente. Tutto ciò richiede chiaramente tempo. LightSoundJournal: ultimamente nel mondo dell’audio sembra essere tutto molto statico, poche novità reali. Che cosa pensa ci riserverà il futuro al riguardo? David Claringbold: sono entrato in questo mondo come ingegnere del suono, tante delle tecnologie che usavo allora sono le stesse che ci sono adesso ma oggi sono molto più sofisticate. Detto questo, credo che siamo all'inizio di un'era nell'audio dove l'esperienza del suono diventerà una proposta di valore chiave per eventi e luoghi. Prodotti come Soundscape hanno il potere di togliere l’"intrusione" dei sistemi di sonorizzazione nelle performance e connettere il pubblico con l’artista modo che va ben oltre le nostre attuali capacità. Questo aprirà infinite possibilità per il rinforzo del suono, per gli artisti, per i luoghi e persino per i marchi commerciali che vorranno sfruttare il suono per personalizzare la loro esperienza con il pubblico. E’ un qualcosa che offre delle possibilità sonore molto creative, non vi nascondo che all’inizio ero molto scettico a riguardo ma quando l’ho sentito in azione la sensazione è stata come se il sistema audio fosse scomparso e l'illusione audio che ha creato è stata sorprendente. Con d&b Soundscape il pubblico avrà la possibilità di andare oltre l’ascolto. LightSoundJournal: mi chiedo se sia semplice convincere i Sound Engineer ad usare questa tecnologia visto e considerato che praticamente da sempre cresciamo e lavoriamo con la stereofonia. David Claringbold: per certi versi non lo è, ma è un qualche cosa che è possibile fare solo facendolo ascoltare. Stiamo parlando più su un piano artistico che prettamente tecnico ed è questa la differenza sostanziale... Info: www.dbaudio.com Alex Esposto Aldo Chiappini ZioGiorgio Team]
Deejay Time al parco Experience

Deejay Time al parco Experience

1 Nov 2017
Sabato 7 Ottobre si è concluso l’ultimo weekend della seconda stagione del parco Experience, presso la fiera RHO di Milano con il party del Deejay Time, lo storico programma di Radio Deejay condotto da Albertino.
Void Acoustics anima i party del Samsara Beach di Riccione

Void Acoustics anima i party del Samsara Beach di Riccione

21 Sep 2017
Con l’arrivo dell’estate ritornano e nascono nuove realtà open air, come nel caso del Samsara Beach, che dopo lo straordinario successo riscontrato a Gallipoli ha deciso di aprire i battenti anche nella costa adriatica inaugurando una nuova sede a Riccione. Per questa nuova avventura il beach club si è rivolto al team Void Acoustics che tramite il suo distributore italiano Frenexport ha provveduto alla fornitura del sistema di amplificazione. Questa installazione nascondeva alcune insidie con le quali probabilmente molti di voi hanno a che fare più o meno regolarmente: fornire un ascolto potente e definito nella pista da ballo senza però dar fastidio al vicinato. In aggiunta a questo, vista la posizione del locale, era necessario tenere in considerazione l’ambiente marino, fortemente corrosivo per i prodotti impiegati. Per avere tutti i dettagli del caso di questa interessante tipologia di installazione abbiamo ascoltato Mike Newman, Bryn Richards e Bryan Mclean che ci hanno illustrato il loro lavoro e le loro scelte per far fronte alle richieste ed ai problemi della venue. [caption id="attachment_66509" align="aligncenter" width="720"] Il Samsara Beach di Riccione[/caption] ZioGiorgio.it: quali sono state le richieste del cliente? Da dove siete partiti per realizzare il progetto come lo vediamo adesso? Mike Newman: la richiesta principale del cliente era avere un sistema audio di altissima qualità, con cui ogni DJ potesse sentirsi a proprio agio, bello da vedere e che potesse resistere alle intemperie. Inizialmente in base alle informazioni preventive avevamo optato per un sistema più piccolo però, quando ci hanno mostrato le immagini dell’altra location colma di gente abbiamo capito che la specifica doveva essere aumentata. Il cliente ha voluto non solo la finitura bianca lucida, ma ha avanzato alcune richieste inerenti i prodotti così che potessero resistere alle intemperie, un particolare non da poco vista la posizione del club... Questi ambienti corrosivi possono causare molti problemi se le apparecchiature audio non sono correttamente protette. Stabilito quindi i punti cardine del progetto abbiamo parlato con la squadra del Samsara per mettere insieme una proposta che utilizzasse alcuni dei nostri ultimi prodotti. Abbiamo lavorato tenendo conto dell'area da coprire e del vicinato, ed è stata necessaria una soluzione più complessa per le basse frequenze, elaborata dal nostro Technical Support Manager, Bryan Mclean. La collaborazione col nostro distributore italiano Frenexport è stata importantissima e credo che siano state pienamente soddisfatte le aspettative del cliente. ZioGiorgio.it: Bryan, quale tipo di prodotto avete scelto e come si sono svolti i lavori per l'installazione? Bryn Richards: il primo contatto è stato tra il nostro distributore Frenexport e i proprietari del Samsara alcuni mesi fa. Il cliente ha spiegato chiaramente il risultato che voleva raggiungere, mettendo in guardia su quelle che erano le restrizioni maggiori in termini di volume e vicinato. I lavori di costruzione del locale erano già iniziati e proprio per questo motivo è stato abbastanza facile ottenere i disegni e le planimetrie che poi abbiamo usato per integrare il progetto audio. Tuttavia, come ti diceva Mike, solo quando abbiamo visto l'afflusso di persone dell'altro beach club Samsara abbiamo capito bene quanto siano popolari questo tipo di locali in Italia. La specifica che è stata creata tra Void e Frenexport ha seguito quindi due direttive di base: progettare un sistema il più performante possibile in relazione allo spazio disponibile, ma nello stesso tempo un sistema che fosse in grado di adattarsi a situazioni eventualmente "ridotta". Il club aveva una data di apertura ben precisa che dovevamo categoricamente rispettare e devo dire che anche questo ci ha aiutato nel affrontare le decisioni. ZioGiorgio.it: quali sono state le difficoltà maggiori? Bryn Richards: la difficoltà principale nelle location all’aperto, in particolare quelle così vicine all'aria marina, è quella di proteggere le casse. Pertanto si deve prestare attenzione affinché siano utilizzati solo materiali di alta qualità per garantire una lunga durata del sistema audio in questo tipo di ambiente.   ZioGiorgio.it: puoi descriverci la fase di installazione e il set up? Bryan Mclean: un beach club deve mantenere delle buone relazioni con il "vicinato", mi riferisco ad altre attività commerciali e soprattutto a residenti che abita la stessa zona. Da un punto di vista acustico questo porta spesso l’ingegnere a pensare fuori dagli schemi e ad applicare configurazioni non convenzionali per ottenere prestazioni massime nello spazio desiderato. [caption id="attachment_66511" align="alignright" width="420"] In alto a sinistra gli Air Vantage Void[/caption] Per il progetto del Samsara abbiamo scelto gli altoparlanti Air Vantage caricati a tromba, combinati con i sub Venu 115. Le basse frequenze per l'area interna del bar invece sono di fatto prodotte dal sistema enclusore principale a bassa frequenza della spiaggia che è stato poi integrato dove necessario da altre casse più piccole ed allineate temporalmente in modo da non avere inutili energie prodotte da più fonti di quanto realmente necessario. L'area beach party utilizza una coppia di casse Tri Motion Mid/Hi di Void Acoustics combinate con una matrice monofase Stasys Xair. Il Tri Motion ha un controllo fino a 400 Hz che ci permette di concentrare una grande percentuale di energia acustica direttamente sulla spiaggia di fronte alla discoteca. Così facendo siamo riusciti ad offrire prestazioni ragguardevoli in termini di pressione e basse frequenze sul lungomare di Riccione senza infastidire i vicini. [caption id="attachment_66510" align="aligncenter" width="720"] I Tri Motion Void[/caption] Lasciamo dire che è stato un piacere lavorare con il team Samsara per questo progetto e non vedo l'ora di lavorare in futuro con questa squadra. Alessandro Esposto ZioGiorgio team © 2001 – 2017 NRG30 srl. All rights reserved]

Compila il form per contattare


Vai alla barra degli strumenti