centralina DMX o software DMX?

Home Forum Luce Pro centralina DMX o software DMX?

Questo argomento contiene 17 risposte, ha 6 partecipanti, ed è stato aggiornato da  federicog72 2 mesi, 2 settimane fa.

Stai vedendo 3 articoli - dal 16 a 18 (di 18 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #81311

    poggio79
    Partecipante

    Scusa l’ignoranza…perchè dovrei usare reaper??
    A questo punto se della mia proel non me ne faccio quasi nulla, Pensavo di usare un software tipo Daslight che ho già scaricato e sembra abbastanza semplice da usare oppure freestyler ed eventualmente aggiungere in futuro una wing.
    Ho un gruppo e, nel mio piccolo, mi sto appassionando al mondo luci 🙂
    Mi piacerebbe avere qualche gruppo di amici da seguire quando fanno le serate

    #81320

    poggio79
    Partecipante

    Un’altra domanda….ma se uso reaper o logic, posso gestire anche una band usando il midi o solo delle “basi”??

    #81325

    federicog72
    Partecipante

    Cosa intendi per gestire una band?
    Se vuoi andare easy, allora come dici elimina la proel e ti basta il Daslight (che ho usato) ti crei le scene da casa e le mandi durante lo show (da quello che ho capito quindi tu non suoni e sei un FOH), Daslight è ottimo, un’alternativa un po’ più potente è il “cugino” Sunlite, poi tutto è relativo e dipende da quello che vuoi fare e con quanta cura e professionalità lo vuoi fare.
    Altro capitolo se invece per esempio sei un strumentista e mandando dal palco le basi/sequenze (se ne hai) vuoi sincronizzare anche le luci, lì serve come abbiamo già detto il midi, una bella comprensione dello stesso, e la tua proel, o in alternativa, per essere più “evoluto” un software che gestisce il miditimecode (da Sunlite in su) dove ti crei sempre le scene a casa e dal pc che gestisce le sequenze/basi del gruppo arriva un timecode anche per il pc (dove sarà installato il software luci) che gestisce le luci. Il tutto però non si fa in 5 minuti e dietro c’è del tempo da spendere soprattuto per la programmazione, con il midi e la proel è una bella rogna (capire il linguaggio, montare fisicamente lo stage), in digitale (software luci + 3d) è un po’ meno complicato ma ci vuole comunque una bella dose di applicazione.
    Ripeto che ho visto una band gestire il tutto da palco con reaper e il miditimecode.

Stai vedendo 3 articoli - dal 16 a 18 (di 18 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.

Vai alla barra degli strumenti