ESSERE IN REGOLA CONVIENE..????????

Home Forum Consigli, diritti e doveri dei tecnici per lo spettacolo ESSERE IN REGOLA CONVIENE..????????

Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #84395
    marcello1960
    Partecipante

    Ciao a tutti
    La mia domanda è semplice: ESSERE PERFETTAMENTE IN REGOLA IN ITALIA CONVIENE??
    Ho un service molto grande e per lavoro faccio anche il musicista e dj professionista.
    Il materiale che posseggo è tutto certificato e controllato, io sono in possesso di tutte le abilitazioni per i vari montaggi, piano sicurezza, antincendio, lavori in alta quota, rischio elettrico, ecc. ecc., sono iscritto alla Siae e ho la regolare licenza che ogni Dj dovrebbe avere, pagando per tutto quanto sopra fior di soldoni ogni anno.
    Quando mi propongo ai vari potenziali clienti (impresari, parrocchie, comitati ecc.) mi sento rispondere sempre le stesse cose e cioè che a loro non importa chi svolge il lavoro, tanto nessuno controlla e se qualcuno viene ci si accorda sempre. Inoltre nei paesini chi dovrebbe controllare è sempre il cugino di o il fratello di o il compare di e quindi tutto a tarallucci e vino.
    Personalmente ho assistito al concerto dei Cugini di Campagna a Trastevere dove il service non aveva montato le pedane passacavi a terra e i cavi compresi quelli elettrici passavano in mezzo alla gente, nel Comune di Fiumicino a cose assurde tipo palco montato alla Darsena quindi al centro, completamente arrugginito, con i passamano legati con il filo di ferro e senza messa a terra e con il tavolato completamente fradicio e marcio. Nessuno vede nulla. Oppure il Palco per Pupo di 2 anni fa montato su “”60” cm di mattoni per livellarlo. Anche qui nessuno vede nulla. Ad ostia Antica ho visto montare una pedana con 20 cm di spessori di legno sotto le gambe anteriori.
    Quando mi propongo come Dj ed esibisco i miei titoli e licenze mi sento rispondere che loro fanno il borderò, quindi non sanno nemmeno che un dj deve avere la licenza. Inoltre mi rispondono che tanto la Siae non controlla mai e se controlla non chiede mai se il Dj è in regola.
    Alla luce di quanto sopra, spendere 1500 euro l’anno per mettersi in regola ha ancora senso????
    Ciao
    Marcello

    #84427
    AndreaAndrea
    Partecipante

    Ciao Marcello,
    io non sono più in questo mercato e quando c’ero facevo il commerciale quindi comunque distante dalla tua posizione. L’unica cosa che posso dirti è che oggi (e non tanto diversamente da ieri) in Italia e in questo mercato la situazione è piuttosto frustrante. Senza stare a parlare di Nord e Sud, rispetto delle leggi e “amici degli amici” posso solo dirti che per me è sempre stata una questione di “rispetto” ed “Educazione civica e morale”.
    Tutto si riassume in una questione di soldi mentre le cose a cui dovremmo fare riferimento sono altre come “la sicurezza”, “l’affidabilità” , “la correttezza” e la “responsabilità”.
    Dipende dalle persone!!! Se scrivi così io capisco che sei una “bella” persona e lavorerai con “belle” persone (purtroppo non sempre) che ti apprezzeranno per questo e che non cercheranno di fregarti appena di giri. Domani se dovesse succedere qualcosa tu potrai dire che non è stata colpa tua e avrai la coscienza pulita mentre lo stesso non si potrà dire degli altri. Hai ragione, è frustrante e sicuramente ci perderai soldi rispetto ad altri “col pelo sullo stomaco”. Io non sono così e anche se non ho guadagnato di più (anzi non sai quanto ci ho perso a fidarmi di certi personaggi) sono orgoglioso comunque di me e di come sono. Non sminuire la tua correttezza, responsabilità, senso civico e amore per il tuo lavoro per 4 spicci in più!!!
    Con tanta stima!
    Andrea

Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)
  • Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.
Vai alla barra degli strumenti